Legionario Romano

La potenza di Roma si basava principalmente sui suoi soldati. Mettendo su un militare professionista e l'introduzione di molti standard single battle gear, armi e addestramento, l'esercito romano per molti secoli era la dimensione di un esercito moderno.

Imperatore Augustus (31 A. C. -14 d. c. ) è venuto alla convinzione che è necessario per l'Impero Romano avere un esercito permanente.
Fu il fondatore dell'esercito professionale romano, cui Soldaten erano cittadini romani.
Ciò significa che un uomo che voleva servire come soldato nell'esercito romano, doveva essere un cittadino romano. Così, la sua famiglia doveva avere i diritti civili.

 

Legionario Romano

Legionario Romano

 

Legionario con apparecchiatura di combattimento alla fine dei secolo D. C. .

Legionario con apparecchiatura di combattimento alla fine dei secolo D. C. .

 

 

 

Addestramento:
Formazione di base era di solito quattro mesi. All'inizio del suo servizio, soldati indossavano ancora il nome Probatur, lui era un candidato di soldato ma non ancora un soldato in senso stretto.
Importanti nozioni di base per le aree di magazzino edile, nuoto, equitazione e addestramento con le armi sono state insegnate, il frequente marcia 30 chilometri era praticata anche con servizi completi, perché durante le campagne spesso lunghe distanze rapidamente conquistato dovuto o i soldati dovettero ritirarsi e rapidamente.
Stock di formazione di base Probatur molto difficile per gli standard odierni, è stato ammesso ad un Signatus, un completo soldati di guardia e ufficialmente nell'elenco della sua unità ed era in grado di partecipare solitamente 25-year-old. Lui potrebbe cadere anche ora chiamato il pegno, anche sacramentum, ciò che importa è pegno di oggi.

 

 

Equipaggiamento:
Il casco, scudo, mail a catena o scala armatura facevano parte dell'equipaggiamento base di ogni legionario.
Erano armati con una lancia lunga lancio ed una spada e pugnale.

 

Legionari Romani

Legionari Romani

 

Pettorale di un legionario romano

Pettorale di un legionario romano

La corazza dovrebbe proteggere contro gli attacchi con lance e spade.

 

Casco ufficiale romano

Casco ufficiale romano

Ulteriori gioielli sul casco di un ufficiale per consentire i soldati in combattimento facilmente per identificare l'ufficiale.

 

Casco di un legionario romano

Casco di un legionario romano

 

Attrezzature di un legionario romano

Attrezzature di un legionario romano

1 = tappeto 2 = borsa in pelle con acqua o sacchetto = vino 3 per gli oggetti personali e scegliere 3 giorno dieta 4 = 5 = torba

 

 

Se il legionario era non in combattimento o nel suo castello (vecchio nome per basi solide), ha dovuto trasportare anche il suo equipaggiamento di sé. Questi comprendevano oltre a pasti e indumenti di ricambio, strumenti, utensili da cucina e piccoli oggetti personali come articoli da toeletta, posate o piastrelle. Questa apparecchiatura è stata riportata su un posatoio in legno sopra la spalla sinistra e riposata sul bordo superiore dello scudo legato sulla schiena per sostenere il peso. Così, il peso totale era di circa 40Kg durante la marcia.

 

L'esercito romano al loro successo incursioni molti era dovuto non solo alla buona formazione e attrezzature della Legione, ma aveva anche loro motivo nel modo well-thought-out di combattimento e tattiche.
L'esercito romano è particolarmente conosciuto per la sua formazione di tartaruga. Mentre la Legione romana avanzate insieme così da vicino, che hanno formato un "serbatoio" con i loro scudi.
Così, i singoli soldati prima che gli aggressori erano particolarmente ben protetti.

 

Tartaruga di formazione romana

 

Formazione di Romano tartarughe nella lotta

Formazione di Romano tartarughe nella lotta

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

I legionari di Roma in età repubblicana 298-105 a. C.

I legionari di Roma in età repubblicana 298-105 a. C. Copertina flessibile – 1 gen 2013

Dall'ultima, grande guerra contro i Sanniti (298-290 a.C.) all'apice della gloria della Repubblica nel I secolo a.C., la potenza di Roma si espresse attraverso le sue legioni. Furono gli uomini che vi combattevano a conquistare la penisola italica, a sconfiggere i magnifici regni ellenistici e a distruggere l'impero commerciale di Cartagine. Alla fine, tutto il bacino del Mediterraneo si trovò sotto il dominio di Roma, tra province governate da magistrati romani e Stati clienti. Questo libro prende in esame la formazione, l'addestramento e lo sviluppo degli uomini che costruirono quel grande impero: i legionari della Roma repubblicana.

Clicca qui!

 

 

Le tattiche di battaglia di Roma. 109 a.C.-313 d.C.

Le tattiche di battaglia di Roma. 109 a.C.-313 d.C. Copertina flessibile – 31 mag 2018

Esattamente mentre la Repubblica entrava in crisi dal punto di vista istituzionale, l'apparato bellico di Roma dispiegava una forza irresistibile per efficacia e tecniche. Il libro, sviluppando cronologicamente lo studio di Nic Fields sul periodo precedente già pubblicato da LEG edizioni, esamina e illustra le tattiche impiegate dalle legioni a partire dal primo secolo avanti Cristo, considerando anzitutto le testimonianze degli storici coevi. L'esercito romano fu la maggior macchina da guerra del mondo occidentale per almeno quattro secoli, divenendo il pilastro della tradizione militare, con dottrine imprescindibili per chi vuole comprendere la storia militare di Roma e del mondo. Piani di battaglia, scenari tattici e illustrazioni supportano l'autore nella ricostruzione attenta di questa formidabile compagine, restituendone un quadro ricco d'informazioni e interpretazioni tattico-strategiche.

Clicca qui!

 

 

Tattiche di battaglia di Roma 390-110 a.C.

Tattiche di battaglia di Roma 390-110 a.C. Copertina flessibile – 29 mar 2018

Al tempo di Brenno e del sacco di Roma ad opera dei galli l'esercito romano era poco più che un insieme piuttosto raffazzonato e provvisorio, organizzato per saccheggiare o difendersi dalle incursioni di nemici organizzati in modo assai simile. Nel tempo però i romani svilupparono le loro forze sul modello della falange greca, affinandone le tattiche. La legione manipolare fu una vitale innovazione che elevò Roma al di sopra dei nemici, grazie alle possibilità offerte da una formazione unica per flessibilità e versatilità. Con forza di volontà e resilienza, l'organizzazione tattica e sociale dei romani li condusse prima a misurarsi vittoriosamente contro l'Impero cartaginese, e poi con le forze ellenistiche dei sovrani del Mediterraneo orientale. Piani di battaglia illustrati, immagini a colori delle formazioni e degli scenari tattici completano la ricchezza del testo e consentono al lettore di seguire l'eccezionale sviluppo dell'apparato bellico che condusse Roma al dominio dell'intero Mediterraneo.

Clicca qui!

 

 

I primi guerrieri romani 753-321 a. C.

I primi guerrieri romani 753-321 a. C. Copertina flessibile – 1 gen 2013

Il prototipo del legionario romano, come spesso viene presentato nelle diverse forme della moderna iconografia, è in realtà il risultato di un'evoluzione militare millenaria. Agli inizi dell'Età del ferro, prima che sorgesse Roma, una manciata di borghi poteva dare vita a un villaggio, base dalla quale i guerrieri romani dell'età arcaica lanciavano gli assalti contro i loro vicini. Con la crescita dell'Urbe, aumentarono e si espansero anche gli sforzi militari di questi uomini, che adottarono i classici metodi bellici dei greci e crearono la leva cittadina. Il libro esamina la cultura e i sistemi di combattimento di questi antichi guerrieri, tracciando le fasi dello sviluppo di una forza che avrebbe conquistato il mondo.

Clicca qui!

 

 

I legionari della Roma imperiale 161-284 d. C.

I legionari della Roma imperiale 161-284 d. C. Copertina flessibile – 15 ago 2014

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!