Obusier de 400 Modèle 1915/1916

Il Obusier de 400 Modèle 1915/1916 era un obice francese, convertito durante la prima guerra mondiale al più grande cannone ferroviario dell'esercito francese e utilizzato sia nella prima che nella seconda guerra mondiale.

A causa dei successi e della grande forza di penetrazione dei cannoni tedeschi nel tiro alle fortezze di Liegi, Namur, Anversa e Maubeuge, anche l'Alto Comando francese ha richiesto cannoni pesanti, che dovrebbero essere in grado di danneggiare o distruggere le posizioni tedesche sempre più fortificate, i cannoni da campo leggero già in uso non sarebbero stati sufficienti per questo compito.

Alcuni pesanti cannoni costieri o di marina dismessa erano già stati convertiti in cannoni ferroviari e utilizzati, poiché la loro potenza di penetrazione era considerata troppo bassa per distruggere gli impianti di calcestruzzo e i bunker tedeschi. Per questo motivo sono state richieste armi ancora più grandi con un calibro ancora più grande.

La ditta St. Chamond iniziò a metà del 1915 a convertire i cannoni da 400 mm per la marina in cannoni per la ferrovia. A tal fine sono stati collegati due vagoni ferroviari con un telaio in acciaio. Poiché il baricentro delle pistole era molto pesante, il carro posteriore aveva solo 4 assi, quello anteriore 6 assi. Per poter guidare la struttura attorno a curve più strette, sono state montate piattaforme rotanti sia sul carro anteriore che su quello posteriore, in modo che l'intera struttura potesse essere allineata in modo più flessibile.

Le armi utilizzate erano armi da guerra già messe fuori servizio, da cui non si sa quale nave da guerra sono state prese. Avevano una culatta Welin e usavano carichi e proiettili separati. Per caricare il tubo doveva essere abbassato in modo da poter sollevare una piattaforma di carico nella parte posteriore della pistola. Per assorbire il rinculo è stato utilizzato un sistema idropneumatico. Questo ha permesso all'arma di scivolare indietro di qualche metro dopo un colpo, per poi scivolare di nuovo in avanti fino alla sua posizione originale.

Per portare il cannone ferroviario nella posizione di tiro, i binari dovevano essere spostati nella posizione appropriata. Poi è stato necessario scavare una profonda buca sotto i binari in modo che l'arma potesse ritirarsi quando si sparava ad alta angolazione.

 

 

Disegno dei Obusier de 400 Modèle 1915/1916

 

Disegno dei Obusier de 400 Modèle 1915/1916

 

 

Dalla fine di ottobre 1915 il primo degli 8 Obusier de 400 Modèle 1915/1916 poteva essere consegnato nella variante 1915. 1916 seguirono, dopo alcune modifiche, altri 4 cannoni ferroviari nella variante 1916, cosicché furono costruiti complessivamente 12 cannoni. Con il suo calibro 400 mm il Obusier de 400 Modèle 1915/1916 apparteneva al più grande cannone ferroviario di tutta la guerra utilizzato dall'esercito francese.

 

 

I primi Obusier de 400 Modèle 1915/1916 furono portati al fronte alla fine di ottobre 1915

 

Un Obusier de 400 Modèle 1915/1916 nella sua posizione sul fronte occidentale

 

 

Il primo uso della guerra fu fatto dai cannoni dal 30 giugno 1916 durante la battaglia della Somme. Lì servirono come supporto per l'imminente offensiva e spararono contro le fortificazioni tedesche dei villaggi di Herbécourt, Estrées e Belloy-en-Santerre, che allora erano solo rovine.

 

 

Un Obusier de 400 Modèle 1915/1916 durante la battaglia della Somme

 

Un Obusier de 400 Modèle 1915/1916 durante la battaglia della Somme

 

 

 

Il secondo utilizzo del cannone ferroviario fu durante la riconquista delle fortezze vicino a Verdun. A questo scopo, i due cannoni del 3° reggimento di artiglieria a piedi sono stati allestiti a 13 chilometri a sud-ovest di Baleycourt per poter sostenere l'offensiva iniziale del 21 ottobre 1916. Nei due giorni successivi sono state consegnate circa 373 delle sole armi da 370 e 400 mm dispiegate. Soprattutto i forti occupati Douaumont e Vaux furono bombardati. Solo al Forte Vaux il 23 ottobre 1916 una cinquantina di proiettili colpirono e distrussero l'infermeria, diversi corridoi, casematte e infine un deposito di munizioni, dopo il cui incendio i soldati tedeschi dovettero abbandonare il forte.

 

 

Un Obusier de 400 Modèle 1915/1916 è caricato

 

Un Obusier de 400 Modèle 1915/1916 è portato in avanti

 

 

L'ultimo grande impiego dei cannoni ferroviari avvenne nell'aprile 1917 durante il supporto dell'offensiva di Reims. Lì le truppe tedesche avevano sviluppato fortificazioni a Brimont, Witry-lès-Reims e Berru, così come bunker e gallerie sotto il Monte Cornillet e il Mont-sans-nom. Attraverso la ricognizione aerea e gli interrogatori dei soldati tedeschi catturati, l'Alto Comando francese aveva una visione d'insieme delle entrate e dei pozzi di ventilazione dei bunker tedeschi. A metà maggio 1917 iniziò il bombardamento dei bunker, prima di tutto furono bombardate le entrate per bloccare la fuga dei soldati. Poi i pozzi di ventilazione sono stati bombardati, in modo che i soldati chiusi soffocati. Una granata è riuscita a penetrare lo strato di calcare spesso 30 metri sopra uno dei bunker ed è esplosa all'interno del bunker tedesco. Circa 400 soldati hanno perso la vita.

 

 

Un Obusier de 400 Modèle 1915/1916 nell'aprile 1917

 

Confronto tra una granata di un Obusier de 400 Modèle 1915/1916 e un soldato francese

 

 

Oltre all'esercito francese, il 52° reggimento di artiglieria del Corpo d'artiglieria costiera delle truppe americane ha ricevuto 2 dei cannoni ferroviari. Sulla base di questi cannoni, gli Stati Uniti hanno costruito l'obice ferroviario M1918. Anche dopo la prima guerra mondiale, i cannoni delle ferrovie francesi servirono come base per altri cannoni delle ferrovie americane e dell'artiglieria costiera.

 

 

I soldati americani invitano un Obusier de 400 Modèle 1915/1916

 

I soldati americani sparano un Obusier de 400 Modèle 1915/1916

 

 

Dopo la prima guerra mondiale, i rimanenti 10 cannoni delle ferrovie francesi rimasero in deposito come riserva. Quando scoppiò la seconda guerra mondiale, 8 dei cannoni furono usati per rinforzare la linea Maginot in Alsazia e Lorena. Dopo la capitolazione della Francia nel 1940, la Wehrmacht tedesca catturò i cannoni e li mise in servizio con la denominazione di 40 cm obice (E) 752 (f). Questi furono portati sul fronte orientale all'inizio della guerra contro l'Unione Sovietica e 6 dei fucili furono usati per l'assedio di Leningrado, gli altri 2 per i pezzi di ricambio.

 

 

 

Scheda tecnica:

Individuazione: Obusier de 400 Modèle 1915/1916
Paese di produzione: Francia
Anno di introduzione: 1915
1916
Numero: 12 pezzi
Calibri: 400 mm
Lunghezza del tubo: 10,65 metri
Fascia: Massimo 16.000 metri
Peso: 137 tonnellate

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Le trattrici italiane della grande guerra. Il traino meccanico delle artiglierie dalle origini al 1918

Le trattrici italiane della grande guerra. Il traino meccanico delle artiglierie dalle origini al 1918 Copertina flessibile – 15 set 2014

Storia dei mezzi meccanici che hanno permesso lo spostamento veloce di artiglierie - ma anche di uomini e materiali - da una parte all'altra del fronte italiano nella Prima Guerra Mondiale.

Clicca qui!

 

 

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica. Ediz. illustrata: 1

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica. Ediz. illustrata: 1 Copertina rigida – 1 gen 2011

Tecnica, munizionamento e industria bellica alla prova dell'uso in prima linea per l'appoggio della fanteria e delle squadre d'assalto.

Clicca qui!

 

 

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica: 2

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica: 2 Copertina rigida – 1 gen 2012

Clicca qui!

 

 

Fuoco sull'Ortigara. Artiglieria pesante e aviazione nella grande guerra

Fuoco sull'Ortigara. Artiglieria pesante e aviazione nella grande guerra Copertina flessibile – 11 lug 2017

Furono tra i protagonisti militarmente rilevanti della battaglia dell’Ortigara, ma la loro presenza è passata sostanzialmente sotto silenzio. Le artiglierie ferroviarie francesi ritrovano ora il ruolo che gli spetta nella storia del conflitto lungo il fronte italiano grazie a Luca Girotto e Luigino Caliaro, autori di “Fuoco sull’Ortigara”. 168 pagine a colori, formato 21×23, che con il supporto di oltre 140 straordinarie foto in gran parte inedite e grazie a documenti usciti dagli archivi d’oltralpe documentano per la prima volta una storia mai scritta prima.Spiegano gli autori: in previsione della battaglia dell’Ortigara, gli accordi tra alleati prevedevano l’arrivo di un appoggio d’artiglieria francese a supporto dell’offensiva. Per varie ragioni, soprattutto per non privarsi di artiglierie campali assolutamente indispensabili sul fronte occidentale, la scelta francese ricadde sull’invio di alcune imponenti artiglierie ferroviarie pesanti. Per immaginare quale impatto possono aver avuto sui contemporanei è sufficiente guardare gli scatti ritrovati da Girotto e Caliaro che documentano la mole colossale di cannoni come quelli da 320 mm M.le 70-93 su affusto Schneider con una lunghezza complessiva della struttura di quasi 26 metri per 162.000 kg di peso.

Clicca qui!

 

 

Basti in groppa! L'artiglieria someggiata dall'Armata Sarda all'Esercito Italiano

Basti in groppa! L'artiglieria someggiata dall'Armata Sarda all'Esercito Italiano Copertina flessibile – 10 apr 2018

Sullo specifico argomento esistono solo un numero sorprendentemente ridotto di lavori limitati all'ambiente alpino e all'artiglieria da montagna ma altri aspetti, come l'artiglieria coloniale e l'artiglieria someggiata non alpina sono rimasti in gran parte inesplorati. Ecco quindi un interessante e inedito studio sulla storia di tutte le artiglierie someggiate dell'Esercito Italiano, a partire dalle guerre risorgimentali e fino ai giorni nostri, illustrato con un'importante numero di fotografie, stampe e disegni.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!