Renault FT

Il Renault FT era un serbatoio leggero francese, una delle costruzioni di serbatoi più rivoluzionarie e influenti della storia, la cui struttura di base è ancora oggi utilizzata.

Alcuni anni prima della prima guerra mondiale, alcuni ufficiali degli eserciti in Europa hanno iniziato a sviluppare veicoli corazzati su cingoli. Gunther Burstyn, ufficiale austro-ungarico, fu uno dei primi ad iniziare la costruzione di un prototipo, che brevettò nel 1911 con il nome di Burstyn serbatoio. All'epoca, tuttavia, né la dirigenza militare dell'Austria-Ungheria né quella del Reich tedesco mostrarono alcun interesse, cosicché il modello, all'epoca molto progressista, non fu mai più prodotto.

 

 

Modello di serbatoio Burstyn degli anni '30

 

 

Un concetto simile è stato utilizzato dall'ufficiale di artiglieria francese Jean Baptiste Eugène Estienne, che ha anche riconosciuto l'importanza dei carri armati prima della prima guerra mondiale e ha sviluppato concetti corrispondenti. Dopo lo scoppio della guerra in Europa, Estienne presenta prima una proposta per la costruzione di veicoli corazzati al capo dell'omonima società Louis Renault. Tuttavia, Renault ha respinto la proposta in quanto il materiale bellico era già in fase di produzione e l'impresa non aveva esperienza nella costruzione di serbatoi.

In seguito Estienne lo ha provato con l'azienda Schneider. L'azienda ha accettato il suo progetto basato sul trattore cingolato Holt e ha iniziato a sviluppare il serbatoio Schneider CA.

 

 

Schneider CA1

 

 

Nel frattempo, Renault osserva lo sviluppo alla Schneider e decide a metà del 1916 di sviluppare un proprio serbatoio. Inoltre, il modello Schneider CA1 presentava già molti punti deboli. Così il veicolo era molto lento, riusciva a superare solo fossati condizionati e la tecnologia era molto soggetta a disturbi.

Quindi Louis Renault ha posto personalmente determinate condizioni al carro armato di proprietà dell'azienda:
- Il peso totale non poteva superare le 7 tonnellate
- La catena doveva essere sotto tensione costante per non srotolare
- Le catene sono state arrotondate nella parte anteriore per facilitare il passaggio attraverso i fossati
- L'equipaggio doveva essere protetto dai gas di scarico

Sotto la direzione di Rodolphe Ernst-Metzmaier, iniziò la costruzione del primo prototipo. Aveva uno scafo autoportante e un cingolo a molle con viti e molle a balestra, montato senza protezione laterale e arrotondato verso la parte anteriore. L'armatura consisteva in piastre di 6-16 mm di spessore rivettate insieme. Sullo scafo era attaccata la torretta, che doveva essere ruotata di 360 gradi ed era dotata di due portelli, in modo che i soldati potessero salire in emergenza dal carro armato o potessero usare le loro armi da esso. Dato che la torretta era attaccata abbastanza in avanti, il peso era di conseguenza anche superiore pesante. Ciò ha portato al fatto che con i primi viaggi dei carri armati spesso nella parte anteriore nel fango sepolto e festfuhr o fossati non poteva guidare correttamente attraverso. Questo problema è stato risolto collegando un braccio alla parte posteriore, che poteva essere appesantito a seconda delle necessità.

Il motore, il cambio e il serbatoio erano protetti nella parte posteriore del serbatoio. L'aria per il raffreddamento del motore è stata estratta dalla stanza dell'equipaggio e i gas di scarico sono stati scaricati nella parte posteriore. La conseguente mancanza di cinghie di raffreddamento non ha potuto essere riparata fino alla fine della guerra.

 

 

Disegno di una Renault FT nella versione mitragliatrice

 

Vista dell'autista e dei tiratori con sportelli aperti

 

 

Dopo che l'esercito britannico utilizzò per la prima volta i carri armati pesanti durante la battaglia della Somme del 5 settembre 1916, divenne chiaro che il concetto non era ancora completamente sviluppato. La dirigenza dell'esercito francese iniziò allora a considerare se molti carri armati leggeri potessero sostituire alcuni carri armati pesanti. Il 27 novembre 1916, Estienne inviò una richiesta urgente al comandante in capo francese per promuovere la produzione in serie di serbatoi leggeri di tipo Renault.

Così, alla fine del 1916, i primi prototipi della Renault FT furono presentati all'esercito francese. Nonostante l'interesse dei militari, la produzione dovette essere rinviata, perché la produzione di trattori d'artiglieria aveva la priorità ed era classificata più importante per la guerra.

Infine, nei mesi di aprile e giugno 1917, sono stati ordinati 3.500 serbatoi Renault FT. Poiché questa quantità doveva essere costruita da diverse aziende, i serbatoi in seguito differivano leggermente, soprattutto nella progettazione della torretta. Dei serbatoi ordinati, ne furono prodotti 3.177, di cui 2.697 durante la prima guerra mondiale.

 

 

Un serbatoio Renault FT vicino a Saint Michel in Francia durante la prima guerra mondiale

 

Una sfilata di serbatoi Renault FT

 

Una Renault FT di prima produzione

 

 

Dopo che gli Stati Uniti dichiararono guerra al Reich tedesco il 6 aprile 1917, le forze di spedizione americane ricevettero 144 serbatoi Renault FT di produzione francese, poiché all'epoca l'esercito americano non aveva quasi nessun serbatoio proprio.

3 aziende negli Stati Uniti hanno comunque ricevuto la licenza per la costruzione di tali serbatoi che sono stati classificati come serbatoi M1917. All'inizio erano state progettate 4.400 cisterne, ma nell'ottobre 1918 ne potevano essere costruite solo alcune, in modo che non potessero più essere utilizzate in guerra. Dei 4.400 pezzi previsti, 952 sono stati finalmente costruiti.

 

 

Soldati americani con i loro serbatoi Renault FT

 

 

Le diverse varianti:

  • FT Char mitrailleur: Dotato di una mitragliatrice Hotchkiss M1914
  • FT Char canon: Dotato di una pistola a canna corta Puteaux 37 mm
  • FT BS: Dotato di una pistola da 75 mm, variante con pistola Storm
  • FT TSF: Veicolo blindato di guida dotato di dispositivo radio Variante
  • Tank M1917: La variante Renault FT costruita negli USA
  • Fiat 3000: La variante costruita in Italia dopo la guerra
  • Russki Reno: La variante costruita in Russia dopo la guerra
  • Kō-gata Sensha: Serbatoi Renault FT acquistati dal Giappone
  • Armoured Draisine R: carri armati Renault FT acquistati dalla Polonia e trasformati in carrelli ferroviari
  • FT modifié 31: Una 1931 ad una pistola mitragliatrice Reibel da 7,5 mm convertito variante

 

 

Renault FT Char serbatoio canonico

 

Serbatoio Renault FT BS

 

Serbatoio Renault FT TSF

 

Serbatoio Fiat 3000

 

Carrello blindato R

 

 

Dopo la prima guerra mondiale, l'esercito francese ha venduto molti dei suoi carri armati Renault FT in Polonia, Paesi Bassi e Giappone, tra gli altri. Alcuni sono stati portati anche nelle colonie francesi, dove è stato assegnato loro il compito di metterli in sicurezza.

Durante la guerra polacco-sovietica del 1920, la Polonia ha iniziato ad utilizzare la maggior parte dei suoi serbatoi di FT. Poiché questa guerra, a differenza della prima guerra mondiale, rimase una guerra di movimento, divenne subito evidente che i carri armati erano troppo lenti. L'esercito polacco fece trasformare molti carri armati in carrelli blindati.

Negli anni 30 la Francia ha iniziato a modernizzare circa 1.580 dei loro carri armati Renault FT e a sostituire l'armamento con mitragliatrici Reibel da 7,5 mm. All'inizio della seconda guerra mondiale e dell'invasione della Wehrmacht tedesca, la Francia aveva ancora 2.700 carri armati FT in varie varianti. Tuttavia, solo 534 delle unità di combattimento erano al fronte, le altre erano utilizzate per l'addestramento o erano immagazzinate in depositi. Così la Wehrmacht ha catturato 1.704 dei carri armati FT dopo la sconfitta della Francia. Circa 650 sono stati revisionati e serviti in unità della Wehrmacht e delle Waffen SS nei territori occupati per compiti di supporto e sicurezza. Circa 100 carri armati sono stati consegnati alla Luftwaffe e campi d'aviazione protetti. I serbatoi rimanenti servivano come distributori di pezzi di ricambio o la torretta era utilizzata a scopo difensivo.

 

 

Polacco Renault FT carri armati durante la battaglia di Varsavia 1920

 

Un giapponese Renault FT serbatoio 1932 durante l'occupazione della Manciuria

 

Renault FT catturato dalla Germania durante la messa in sicurezza in Serbia

 

Un serbatoio Renault FT distrutto in Jugoslavia nel 1941

 

 

 

Dati tecnici:

Individuazione: Renault FT Panzer
Terra: Francia
Lunghezza: 8,05 metri
Larghezza: 4,1 metri
5 metri con braccio
Altezza: 2,14 metri
Peso: 6,5 tonnellate (versione mitragliatrice)
6,7 tonnellate (versione con pistola da 37 mm)
7 tonnellate (versione fucile d'assalto e veicolo blindato guidato)
Velocità massima: 8 chilometri all'ora
Corazza: Da 8 a 16 mm
Armamento principale: 1 x Hotchkiss M1914 mitragliatrice
Altre armi: 1 cannone a canna corta Puteaux da 37 mm
1 pistola da 75 mm
Guida: Motore Renault 4 cilindri da 39 PS (24 kW)
Fascia: 40 chilometri
Guarnigione: 2 uomini

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata Copertina flessibile – 16 mag 2015

Tra il 1915, quando l'Italia decise di partecipare alla Grande Guerra, e l'8 settembre 1943, data in cui venne reso noto l'armistizio firmato cinque giorni prima a Cassibile, il Regio Esercito progettò, sperimentò e mise in linea un certo numero di carri armati. Scavando, da perfetto segugio, negli annali di istituzioni e industrie l'autore documenta questi progetti e produzioni di carri armati italiani del periodo 1915-1943, alcuni dei quali neppure entrati in fabbricazione. La ricerca diventa occasione di più ampie riflessioni di natura strategica e ideale evidenziando la capacità dell'autore di trasferire il lettore da una semplice disamina tecnica a considerazioni di carattere generale in cui convergono la fatica degli uomini, l'inventiva dei tecnici, le condizioni del nostro Paese, la volontà e i deficit delle istituzioni. Il libro si articola in 4 capitoli suddivisi in numerosi paragrafi, corredati da copiosa documentazione fotografica sia a colori che in b/n, da ampia bibliografia e interessanti note in calce.

Clicca qui!

 

 

I corazzati di circostanza italiani

I corazzati di circostanza italiani Copertina flessibile – 17 giu 2016

La motorizzazione delle forze armate si è affermata durante la Prima Guerra Mondiale anche se ancora durante il grande conflitto successivo, la Seconda Guerra Mondiale, vi fu un rilevante ricorso alla trazione animale e non mancò l'impiego, anche in alcuni memorabili episodi, di reparti di cavalleria. Questa trattazione, quindi, si concede la libertà di passare in rassegna i veicoli motorizzati che, per un motivo o per l'altro, si discostino dalle schede tecniche che ne riportano le caratteristiche. In qualche caso non si può parlare di "scostamenti" poiché si tratta di realizzazioni di fortuna, nate dall'abilità dei meccanici delle officine da campo, stravolgendo completamente la natura del veicolo di partenza.

Clicca qui!

 

 

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata Copertina rigida – 9 nov 2017

Una guida per immagini completa e approfondita sulla tecnologia della guerra e la sua evoluzione nel corso della storia. Profili delle armi, armature, uniformi ed equipaggiamenti fondamentali, dalla Mesopotamia dell'età del bronzo ai giorni nostri. Immagini e schede dei pezzi di armamento più significativi da vari punti di vista, che sottolineano le caratteristiche che li hanno resi così efficaci. Il racconto delle tecniche e delle tattiche adottate dai più grandi capi militari, dell'impatto sugli eserciti che le hanno usate e degli effetti che hanno avuto sulla conclusione dei più importanti conflitti.

Clicca qui!

 

 

La Grande Guerra 1914-1918

La Grande Guerra 1914-1918 (Box)

1. L'offensiva tedesca - inizia la guerra di trincea 2. Il conflitto si allarga - attacchi e contrattacchi 3. Il crollo degli imperi centrali Milioni di soldati costretti a combattere nel fango delle trincee, attacchi mal pianificati, il miraggio di una rapida vittoria: la Prima Guerra Mondiale doveva essere una guerra lampo, si trasformò in una spaventosa e inutile carneficina. La storia del conflitto è narrata anno per anno, frutto di un lungo lavoro di ricerca negli archivi di tutto il mondo. Un'opera grandiosa, che offre un quadro degli eventi bellici su tutti i fronti, in oltre 4 ore di immagini originali dell'epoca e con mappe che illustrano strategie e battaglie

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!