Serbatoio Flying Elephant

Il Flying Elephant era un progetto per costruire un carro armato superpesante, classificato come cacciatorpediniere, per combattere i carri armati tedeschi. 

 

Sviluppo e implementazione:

Nell'aprile 1916 l'Alto Comando Britannico fece l'ultimo ordine di 50 carri armati Mark I. A differenza della maggior parte dei comandanti, William Tritton, lo sviluppatore dei serbatoi, sapeva già allora che i serbatoi Mark I avevano ancora troppi difetti e non erano abbastanza maturi. Inoltre, i carri armati erano troppo debolmente armati e quindi non offrivano una protezione sufficiente contro l'artiglieria tedesca. Un colpo diretto, anche con artiglieria media, potrebbe danneggiare gravemente o distruggere un carro armato.

Poiché all'epoca Tritton aveva poca esperienza nel campo delle armature, fu sostenuto dal tenente Kenneth Symes. Symes aveva già lavorato nel campo delle prove di tiro ed era a conoscenza delle armi britanniche e di quelle tedesche catturate. All'inizio di giugno 1916, la gamma fu anche ampliata con l'arrivo di nuove lamiere corazzate in acciaio di William Beardmore e della società per i test.

Il 19 giugno 1916 il Comitato britannico per il rifornimento dei serbatoi decise e approvò la costruzione ufficiale di un prototipo. Anche se alla fine di agosto non erano disponibili piani di costruzione, 20 veicoli erano già stati ordinati e classificati come cacciatorpediniere cisterne. Lo sfondo per la classificazione era il timore che il Reich tedesco avrebbe lavorato anche sui carri armati e li avrebbe utilizzati sul fronte occidentale in un prossimo futuro.

Le dimensioni dell'elefante volante sarebbero state simili a quelle del carro armato Mark I. L'armatura sarebbe stata realizzata con piastre d'acciaio, che avrebbero avuto uno spessore di 75 mm nella parte anteriore, 50 mm ai lati e 50 mm nella parte superiore. Due motori Daimler con una potenza totale di 105 PS dovevano essere utilizzati come azionamento, il che avrebbe significato solo una velocità di circa 3 km/h con un peso totale di circa 100 tonnellate. L'arma principale nella zona anteriore era un cannone da 75 mm e due mitragliatrici per lato. A causa del peso elevato, oltre alle catene principali esterne larghe 61 mm, è stato necessario montare due catene più piccole sotto il veicolo in modo che potesse guidare più velocemente su strada. A causa del peso elevato, tuttavia, sarebbe stato difficile guidare il cacciatorpediniere sul campo di battaglia. Probabilmente si sarebbe affondata rapidamente e profondamente nel fango e non sarebbe stata in grado di liberarsi.

Alla fine del 1916, il progetto fu sorprendentemente abbandonato dal Ministero della Guerra, che attribuì maggiore importanza ai carri armati Mark e alle risorse disponibili.

Non è più possibile determinare lo stato di avanzamento del progetto nel suo complesso. Oggi esistono solo i disegni originali presso l'Albert Stern Archive of King's College di Londra.

 

 

Serbatoio Flying Elephant

Serbatoio Flying Elephant

 

Flying Elephant (modello 1:48 nel Bovington Tank Museum England)

Flying Elephant (modello 1:48 nel Bovington Tank Museum England)

 

 

Dati tecnici:

Individuazione: Forster's Battle Tank
( Serbatoio Flying Elephant )
Terra: Gran Bretagna
Lunghezza: 8,36 metri
Larghezza: 3 metri
Altezza: 3 metri
Peso: circa 100 tonnellate
Velocità massima: 3,4 chilometri all'ora (stimato)
Corazza: Da 50 a 75 mm
Armamento principale: 1 x Hotchkiss QF 6 pdr (75 mm) pistola
Altre armi: 4 - 6 mitragliatrici da 7,71 mm
Guida: 2 x motore Daimler con un totale di 105 PS
Fascia: sconosciute
Guarnigione: 6 uomini

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata Copertina flessibile – 16 mag 2015

Tra il 1915, quando l'Italia decise di partecipare alla Grande Guerra, e l'8 settembre 1943, data in cui venne reso noto l'armistizio firmato cinque giorni prima a Cassibile, il Regio Esercito progettò, sperimentò e mise in linea un certo numero di carri armati. Scavando, da perfetto segugio, negli annali di istituzioni e industrie l'autore documenta questi progetti e produzioni di carri armati italiani del periodo 1915-1943, alcuni dei quali neppure entrati in fabbricazione. La ricerca diventa occasione di più ampie riflessioni di natura strategica e ideale evidenziando la capacità dell'autore di trasferire il lettore da una semplice disamina tecnica a considerazioni di carattere generale in cui convergono la fatica degli uomini, l'inventiva dei tecnici, le condizioni del nostro Paese, la volontà e i deficit delle istituzioni. Il libro si articola in 4 capitoli suddivisi in numerosi paragrafi, corredati da copiosa documentazione fotografica sia a colori che in b/n, da ampia bibliografia e interessanti note in calce.

Clicca qui!

 

 

I corazzati di circostanza italiani

I corazzati di circostanza italiani Copertina flessibile – 17 giu 2016

La motorizzazione delle forze armate si è affermata durante la Prima Guerra Mondiale anche se ancora durante il grande conflitto successivo, la Seconda Guerra Mondiale, vi fu un rilevante ricorso alla trazione animale e non mancò l'impiego, anche in alcuni memorabili episodi, di reparti di cavalleria. Questa trattazione, quindi, si concede la libertà di passare in rassegna i veicoli motorizzati che, per un motivo o per l'altro, si discostino dalle schede tecniche che ne riportano le caratteristiche. In qualche caso non si può parlare di "scostamenti" poiché si tratta di realizzazioni di fortuna, nate dall'abilità dei meccanici delle officine da campo, stravolgendo completamente la natura del veicolo di partenza.

Clicca qui!

 

 

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata Copertina rigida – 9 nov 2017

Una guida per immagini completa e approfondita sulla tecnologia della guerra e la sua evoluzione nel corso della storia. Profili delle armi, armature, uniformi ed equipaggiamenti fondamentali, dalla Mesopotamia dell'età del bronzo ai giorni nostri. Immagini e schede dei pezzi di armamento più significativi da vari punti di vista, che sottolineano le caratteristiche che li hanno resi così efficaci. Il racconto delle tecniche e delle tattiche adottate dai più grandi capi militari, dell'impatto sugli eserciti che le hanno usate e degli effetti che hanno avuto sulla conclusione dei più importanti conflitti.

Clicca qui!

 

 

La Grande Guerra 1914-1918

La Grande Guerra 1914-1918 (Box)

1. L'offensiva tedesca - inizia la guerra di trincea 2. Il conflitto si allarga - attacchi e contrattacchi 3. Il crollo degli imperi centrali Milioni di soldati costretti a combattere nel fango delle trincee, attacchi mal pianificati, il miraggio di una rapida vittoria: la Prima Guerra Mondiale doveva essere una guerra lampo, si trasformò in una spaventosa e inutile carneficina. La storia del conflitto è narrata anno per anno, frutto di un lungo lavoro di ricerca negli archivi di tutto il mondo. Un'opera grandiosa, che offre un quadro degli eventi bellici su tutti i fronti, in oltre 4 ore di immagini originali dell'epoca e con mappe che illustrano strategie e battaglie

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!