Animali in guerra

Fin dall'inizio dei conflitti militari tra gli esseri umani, gli animali sono stati usati per sostenere, salvare o armare i propri soldati. Nel corso dei millenni non solo la guerra sviluppato ulteriormente, ma anche l'impiego degli animali nella guerra è stato adattato fino ad oggi.

 

Sviluppo di:

Gli animali hanno accompagnato le persone fin dall'inizio della civiltà. Già al tempo dei primi esseri umani primitivi, gli animali servivano come fonti di cibo o fornitori di materie prime come le pelli o le ossa. Con l'avvento dell'uomo moderno, gli animali cominciarono ad essere addomesticati e utilizzati come animali da compagnia o da fattoria.

Come per molti sviluppi civili, non ci volle molto tempo perché gli animali diventassero interessanti per scopi militari. L'obiettivo era quello di cercare caratteristiche che avrebbero dato ai soldati un vantaggio sul nemico e quindi aumentare le possibilità di vittoria. Non c'erano limiti alla creatività della leadership militare, né in termini di possibilità né moralmente. A tutt'oggi, gli scopi di base per i quali gli animali sono utilizzati nell'esercito sono rimasti pressoché invariati:

  1. Scopi di trasporto
  2. Scopi di combattimento
  3. Comunicazione

Inoltre, ci sono gli scopi secondari come cibo e per la stabilità morale dei soldati come mascotte o portafortuna.

A fini di trasporto, gli animali venivano utilizzati per trasportare armi, attrezzature, munizioni o, più tardi, armi da un punto all'altro. Per questo scopo sono stati utilizzati principalmente cavalli, muli, buoi o cammelli.

Per scopi di combattimento, gli animali venivano usati per sostenere un soldato o direttamente come arma. L'esempio più noto di questo uso è il cavaliere o cavalleria. Anche la ricognizione e gli esploratori rientrano in questo punto di vista, anche se questi raramente hanno partecipato ad azioni di combattimento.

Gli scopi della comunicazione erano la trasmissione di messaggi e comandi tra le unità o la leadership militare. Quest'area è stata introdotta molto tardi, in quanto questi compiti erano svolti principalmente da persone. Gli esempi più noti sono stati i cani messaggeri o i piccioni viaggiatori.

Per decidere quale animale potesse essere utilizzato per scopi militari, l'effetto finale dell'uso era già considerato nell'antichità. In sintesi, nel corso del tempo si sono riuniti tre fattori che hanno permesso di classificare un animale:

  1. Efficacia nella lotta o nel sostegno
  2. Vantaggio strategico in uso
  3. Effetto psicologico come l'intimidazione

Poi sono stati aumentati i costi per la formazione e la cura di un animale.

Così, nel corso dei millenni, i seguenti animali sono stati finalmente utilizzati per scopi militari:

  • Cavalli
  • Ciabatte
  • Cammelli
  • Elefanti
  • Manzi
  • Cani
  • Piccioni

Inoltre, vi erano altre specie animali che venivano utilizzate in numero minore o solo sperimentalmente. Si dice che 32 specie animali siano state utilizzate per scopi militari.

 

 

 

Cavalli:

I cavalli sono tra gli animali più conosciuti e più usati per scopi militari.

Già 2.000 anni prima di Cristo i cavalli sono stati utilizzati come animali da tiro di carri. La prima tradizione di questo uso risale ai tempi degli Hyksos, che avevano conquistato vaste aree del Medio Oriente. Tra questi c'era l'Egitto oggi. Dopo l'espulsione delle forze di occupazione e l'indipendenza dell'Egitto, i governanti dell'epoca si servirono di questa tecnologia, la adattarono alle loro esigenze e costituirono un esercito dei noti carri egiziani. A quel tempo non erano state inventate le selle per i cavalli, per cui la stalla a cavallo non era possibile.

Questi carri, costituiti da legno e pelle, sono stati progettati per la velocità e la manovrabilità grazie alla loro struttura leggera. E 'stato tirato da 2 cavalli e potrebbe cadere indietro su un piccolo raggio di sterzata dal suo assale molto indietro sdraiato con le ruote di stoccaggio lontano. Le bighe erano di solito presidiate da due uomini. Uno ha servito il veicolo come autista, il secondo ha effettuato gli attacchi o la difesa attaccando i nemici con arco e freccia o lance o difendendo se stesso e il conducente con uno scudo contro gli attacchi. E' accaduto anche che questi carri erano accompagnati da corridori corazzati durante le campagne e potevano così dedicarsi completamente all'attacco.

Si notava in particolare che non era lo stato che provvedeva e pagava per il carro e il cavallo, ma i proprietari stessi che dovevano pagarli. Così solo i ricchi e soprattutto la nobiltà potevano permettersi questi carri, una particolarità che è stata mantenuta fino alla fine del Medioevo.

 

Carrozze egiziane

Carrozze egiziane

 

Il principio dei carri fu poi adottato dagli Assiri, che li ampliarono e li occuparono con quattro uomini invece di due. Nel corso del tempo, tuttavia, gli Assiri iniziarono a scambiare i pesanti carri con singoli cavalli con un cavaliere corazzato, ponendo così le basi per la cavalleria oggi conosciuta. Questa cavalleria fu rilevata dai persiani dopo il crollo dell'Impero assiro, anche se non mantenevano più altrettante unità montate. Solo l'impero macedone ha ampliato la cavalleria leggera di nuovo fortemente, che Alessandro Magno in particolare ha usato per fondare il più grande impero della storia.

 

A differenza dei ricchi di prima, l'Impero Romano si basava più sui soldati a piedi che sulla cavalleria. Anche se la legione romana aveva montato i soldati fin dall'inizio, essi erano quasi esclusivamente composti dalla classe alta dell'impero. Poiché i cavalli non servivano come fornitori di cibo nell'Impero Romano, cioè venivano mangiati, erano in concorrenza con gli esseri umani nella distribuzione di cibo. L'allevamento e l'allevamento di cavalli era quindi considerato un bene di lusso e quindi disponibile solo per la classe superiore. I legionari romani erano responsabili della propria attrezzatura, che comprendeva l'acquisto, la riparazione e la sostituzione. Questo principio si applicava sia ai soldati ordinari che agli ufficiali. I cavalli rappresentavano quindi un fattore di costo molto elevato, che non si limitava solo all'allevamento, ma si applicava anche alla manutenzione nelle campagne.

 

Cavalleria dei primi romani

Cavalleria dei primi romani

 

Nella prima fase dell'Impero Romano, quando la forza totale delle truppe era di soli 3.300 soldati, la cavalleria con 300 cavalieri rappresentava una parte molto piccola dell'esercito. Nel corso della Repubblica Romana, non solo l'Impero Romano, ma anche l'esercito crebbe. Da una legione iniziale sono state create 25 legioni fino al 27 a.C.. Sotto l'imperatore Augusto e la sua riforma militare, l'ex esercito dei volontari divenne un esercito permanente e si avvalse delle truppe ausiliarie provenienti da tutte le parti dell'Impero Romano. La cavalleria romana fu così rafforzata con la cavalleria gallica e germanica, e in seguito sostituita sempre di più. Tuttavia, è stato mantenuto il numero di 300 corridori per legione. Fino al crollo dell'Impero Romano d'Occidente, alla cavalleria romana furono assegnati sempre più compiti di segnalazione e nell'Illuminismo; le battaglie furono portate avanti quasi esclusivamente dalle truppe ausiliarie.

 

Il prossimo grande salto nello sviluppo della cavalleria e dei cavalli fu fatto con i carri armati franconiani. Queste furono la risposta ai mori arabi, che conquistarono in pochi anni gran parte della Spagna con la loro cavalleria leggera e successivamente minacciarono l'impero franco. I tank riders sono stati appositamente addestrati e pesantemente corazzati, armati con una lancia. Lo sviluppo della staffa ha anche reso più facile per i cavalieri pesanti salire sui cavalli, per sedersi più stabile in sella e per trasferire indirettamente la potenza del cavallo alla lancia, aumentando così la loro potenza. L'introduzione dei carri armati franconiani gettò anche le basi per lo sviluppo dei cavalieri che dominarono e plasmarono in modo decisivo il Medioevo.

 

Serbatoio Franconiano

Serbatoio Franconiano

 

Durante il Medioevo, tuttavia, non solo il cavaliere dell'armatura si trasformò in cavaliere, ma anche il maneggio dei cavalli assunse una forma precedentemente sconosciuta. Questa volta sono stati definiti quattro aspetti:
- Il legame emotivo tra cavallo e cavaliere
- I cavalli sono visti per la prima volta come vittime di guerre
- I cavalli sono considerati un'importante merce di guerra.
- I cavalli sono visti come il punto debole del nemico

Il legame emotivo tra un cavallo e il suo cavaliere si basa sul percorso comune a volte duraturo di queste due parti. Poiché l'allevamento e la manutenzione dei cavalli è ancora molto costoso, questo è possibile solo per la popolazione ricca. Da questo anche origine quasi esclusivamente i cavalieri, perché solo quelli potevano diventare cavalieri che avevano anche le possibilità finanziarie per attrezzarsi di conseguenza. Pertanto, i cavalli sono stati di solito dalla nascita nelle mani del loro pilota più tardi, con il quale l'animale ha anche effettuato la sua formazione. Così cavaliere e animale non solo sono stati una squadra ben collaudata nella lotta, ma ha collegato loro anche una connessione molto intima e personale. La morte del cavallo spesso ha fatto sprofondare il cavaliere in un buco emotivo o ha portato alla depressione.

Un ulteriore punto nel trattare con i cavalli è stato il ruolo emergente dell'animale come vittima, che era presente solo nel Medioevo. I responsabili di questo sono stati principalmente cantastorie o menestrelli che andavano di luogo in luogo cantando o raccontando storie di battaglie. Nel corso del tempo, i cavalli sono stati sempre più inclusi o addirittura messi al centro dell'attenzione. Si trattava di storie di battaglie in cui animali feriti giacevano sul campo di battaglia, urlando assordantemente nel dolore o compiendo incredibili azioni eroiche per i loro cavalieri, che di solito avevano più a che fare con l'immaginazione del narratore. Ma nonostante le molte fantasie o decorazioni, una certa simpatia raggiunse la maggior parte della popolazione e anche i soldati, rendendo obsoleta la manipolazione dei cavalli. Per la prima volta sono stati riconosciuti come creature sofferenti che provano dolore e paura quanto gli esseri umani. Questo era possibile a quel tempo perché non c'era stato un uso di massa di cavalli nei rispettivi eserciti, solo quando i cavalli erano usati in gran numero, erano di nuovo considerati come un mezzo militare piuttosto che un animale.

Nel Medioevo, il cavallo era considerato sempre più spesso anche un'importante merce di guerra. Già nei secoli precedenti era consuetudine che il vincitore acquistasse e utilizzasse tutte le attrezzature utili del nemico sconfitto. Nel corso del Medioevo anche i cavalli sono stati considerati sempre più spesso come guerra importante e quindi si è cercato di prendere il maggior numero possibile di cavalli dal nemico dopo la sconfitta del nemico e di equipaggiare il proprio esercito con esso.

Un completo contrasto con l'aspetto del bene importante per la guerra era la consapevolezza che i cavalli potevano offrire anche un serio punto debole del nemico. Quando l'armatura dei cavalieri diventava sempre più pesante, diventavano inevitabilmente sempre più immobili quando dovevano camminare. Così i fanti hanno cercato per la prima volta di attaccare il cavallo del cavaliere durante una battaglia e di ferirlo o ucciderlo, il che costringeva il cavaliere a combattere senza l'animale ed era quindi più facile da sconfiggere. Con lo sviluppo e l'uso di alabarde e ganci, il cavaliere è poi riuscito a strappare dal cavallo senza ferire o addirittura ucciderlo.

 

Cavaliere con lancia

Cavaliere con lancia

 

Con l'avvento delle prime armi da fuoco, anche la cavalleria si sviluppò ulteriormente. L'armatura pesante non era necessaria sia per il cavaliere che per il cavallo, così che la cavalleria leggera si è sviluppata sempre di più. L'arma principale dei piloti, tuttavia, consisteva ancora in una lancia, che era completata da fucili, pistole o sciabole. Questo tipo di truppa, spesso chiamata Ulan, è stata utilizzata da quasi tutte le forze armate fino allo scoppio della prima guerra mondiale.

 

Reggimento Ulan "Re Guglielmo I". (2° Württemberg) No. 20

Reggimento Ulan "Re Guglielmo I". (2° Württemberg) No. 20

 

Una rottura decisiva nell'uso dei cavalli per scopi militari non è stata dissimulata durante la prima guerra mondiale. Sebbene le armi continuarono a svilupparsi e migliorare dalla fine del XIX secolo fino al 1914, la guerra rimase sostanzialmente la stessa, compreso l'uso della cavalleria. Allo scoppio della guerra, solo il Reich tedesco aveva 110 reggimenti di cavalleria, più le riserve. La cavalleria rappresentava tra l'8 e il 10 % del totale, il che valeva per quasi tutte le grandi potenze europee. A quel tempo i cavalli erano l'unica arma delle forze armate che era veloce e agile. Nelle prime settimane di guerra, queste qualità potevano ancora essere utilizzate su tutti i fronti, ma quando la guerra di movimento in Occidente si trasformò in una guerra di posizioni, divenne evidente che la cavalleria era tutt'altro che preparata per una guerra moderna. Mentre da un lato le posizioni fortificate del nemico aspettato, i piloti si precipitò in vecchia procedura con sciabola tirato verso le posizioni. Sul campo aperto, hanno offerto ottimi obiettivi per le mitragliatrici nemiche, le perdite sono state di conseguenza elevate. Così la cavalleria perse rapidamente importanza, almeno sul fronte occidentale, e i reggimenti furono consegnati ad altri fronti o assegnati alla logistica, dove servivano come cavalli da tiro per i cannoni.

 

La cavalleria tedesca nella prima guerra mondiale

La cavalleria tedesca nella prima guerra mondiale

 

Reale reggimento di cavalleria Grigi Scozzesi

Reale reggimento di cavalleria Grigi Scozzesi

 

Un carro armato britannico del contrassegno V guida oltre un cavallo morto, i contrasti fra vecchia e nuova guerra diventano particolarmente chiari qui

Un carro armato britannico del contrassegno V guida oltre un cavallo morto, i contrasti fra vecchia e nuova guerra diventano particolarmente chiari qui

 

Nel corso della guerra, quando si trattava di cavalli, sono entrate in gioco alcune caratteristiche particolari, che hanno avuto effetti sia negativi che positivi:

  • La cura medica degli animali è stata mantenuta ad un livello molto alto per tutta la durata della guerra. I veterinari erano subordinati ai militari fin dall'inizio e accompagnavano le forze armate. Dietro il fronte sono stati allestiti e arredati interi studi medici per la cura di animali feriti. Ciò valeva non solo per i cavalli, ma anche per altre specie animali utilizzate durante la guerra
  • La fornitura di mangime ai cavalli, d'altra parte, è stata critica per tutta la guerra. Poiché secondo il Piano Schlieffen la guerra doveva durare solo per un breve periodo e l'esercito doveva rifornirsi dal paese nemico, di conseguenza non ci sono stati rifornimenti per un periodo di tempo più lungo. Poco dopo l'inizio della guerra, la popolazione tedesca dovette raccogliere le foglie delle foreste e consegnarle all'ufficio di guerra, in modo che i cavalli potessero essere nutriti al fronte
  • Oltre all'alimentazione, anche le malattie hanno rappresentato un grave problema per i cavalli, colpendo tutte le forze armate coinvolte. A causa del fango, della sporcizia e delle condizioni igieniche generali, le malattie spesso si sono verificate e si sono diffuse rapidamente
  • Con il primo uso di agenti di guerra chimica sul fronte occidentale, non solo i soldati sono stati protetti da queste sostanze con lo sviluppo e l'introduzione di maschere antigas, ma sono state anche sviluppate e introdotte possibilità di protezione per gli animali, in particolare i cavalli

 

Una ferita da arma da fuoco viene operata su un cavallo allacciato

Una ferita da arma da fuoco viene operata su un cavallo allacciato

 

Un soldato e il suo cavallo con maschera antigas

Un soldato e il suo cavallo con maschera antigas

 

Cavalli morti sul ciglio della strada

Cavalli morti sul ciglio della strada

 

Durante la prima guerra mondiale, forze militari tra i 10 e i 16 milioni di cavalli furono dispiegati da tutte le persone coinvolte. Si stima che siano stati uccisi circa 8 milioni di animali, anche se questa cifra è probabilmente molto più elevata. Dopo la guerra, molti cavalli erano emaciati, esausti o malati. Dopo la capitolazione si è trattato di fucilazioni di massa degli animali al fronte, che erano troppo deboli o troppo malati per iniziare il viaggio di ritorno a casa. I soldati britannici vendevano spesso i loro cavalli ai macellai francesi, che in Gran Bretagna era fortemente condannato dalle organizzazioni per il benessere degli animali. Dopo qualche protesta, almeno 60.000 animali sono stati riportati in Gran Bretagna, dove sono stati alloggiati prevalentemente in case di riposo per animali appositamente arredate. Nel 2004 la principessa Anne ha inaugurato a Londra il Memorial Animals in War Memorial, un monumento agli animali usati in guerra.

 

Memoriale degli animali in guerra

Memoriale degli animali in guerra

Il monumento reca due iscrizioni separate sotto l'iscrizione "Animali in guerra":

„This monument is dedicated to all the animals
that served and died alongside British and allied forces
in wars and campaigns throughout time“

(„Questo monumento è dedicato a tutti gli animali che hanno servito e sono morti nelle guerre e nei conflitti tra le forze britanniche e alleate in ogni momento.“)

„They had no choice“
(„Non avevi scelta.“)

 

Tra la prima e la seconda guerra mondiale, la maggior parte delle forze ridusse le unità di cavalleria e le sostituì con unità motorizzate e carri armati, anche se i cavalli non scomparvero completamente. Con lo scoppio della guerra, molte divisioni di fanteria erano dipendenti dai cavalli nonostante l'incipiente motorizzazione. Questo per motivi tecnici, tattici ed economici.

  • Le ragioni tecniche erano la limitata capacità di produzione di veicoli a motore, carburante e pneumatici per i veicoli militari, quindi per motivi economici non era possibile avere una forza militare completamente motorizzata in quel momento
  • Le ragioni tattiche erano da ricercare soprattutto nella ricognizione, nella supervisione di vaste aree e nel rapido trasferimento di truppe, equipaggiamenti e armi da fuoco
  • Tra le ragioni economiche c'erano il minor costo dei cavalli rispetto ai camion e anche la loro aspettativa di vita. L'Alto Comando dell'Esercito tedesco aveva calcolato che l'aspettativa di vita di un cavallo era di quattro anni, ma quella di un veicolo a motore era solo di un anno

Durante le campagne in Polonia, Danimarca, Norvegia, Danimarca, Norvegia e infine Francia sono stati utilizzati meno cavalli. Da un lato ciò era dovuto al fatto che sia l'esercito polacco che quello francese non avevano quasi nulla da opporre alla Wehrmacht tedesca e alla sua strategia di guerra dei fulmini, dall'altro lato i cavalli non riuscivano a tenere il passo con i carri armati o non venivano utilizzati come in Norvegia.

Per la campagna in Africa non sono stati pianificati cavalli, poiché questi non sarebbero andati d'accordo con le condizioni climatiche, qui si usavano piuttosto i cammelli. Anche nei Balcani e in Grecia difficilmente i cavalli sono stati utilizzati durante la campagna, solo dopo la conquista delle aree che sono stati messi in discussione per i compiti di sicurezza.

Le cose erano completamente diverse nella campagna di Russia. Mentre la Wehrmacht tedesca puntava ancora una volta su una rapida vittoria e quindi pianificato con pochi cavalli, l'esercito russo aveva a disposizione molti più cavalli di cavalleria. Questo fallimento dei vertici dell'esercito tedesco si è manifestato solo dopo poche settimane, quando i veicoli utilizzati e catturati non erano più sufficienti per rifornire le truppe. L'incipiente periodo di fango fece sì che i veicoli a motore e i serbatoi si bloccassero e che solo i cavalli fossero ancora idonei al trasporto. Anche se la Wehrmacht ha ricevuto un gran numero di cavalli russi che hanno catturato, la domanda non ha potuto essere soddisfatta.

 

Fanti tedeschi con cavalli in Unione Sovietica

Fanti tedeschi con cavalli in Unione Sovietica

 

Soldato e cavallo in inverno, Campagna Russia

Soldato e cavallo in inverno, Campagna Russia

 

Soprattutto per la ricognizione nella lontana tundra e nella lotta contro i partigiani i cavalli venivano usati sul fronte orientale, perché potevano svolgere i compiti oltre che come veicolo, ma erano più economici e non consumavano materie prime importanti per la guerra come la benzina. Tuttavia, gli animali, così come i soldati, hanno dovuto combattere con le condizioni meteorologiche e la cattiva alimentazione. Non era raro che i soldati dovessero macellare i cavalli e poi mangiarli per mancanza di cibo.

Durante la seconda guerra mondiale non sono stati usati tanti cavalli come nella prima guerra mondiale. Con circa 2,8 milioni di cavalli solo sul lato tedesco, era ancora un numero molto alto. Circa 1,56 milioni di cavalli non sono sopravvissuti alla guerra. Con una perdita del 90% è stato al fronte orientale il peggiore per gli animali.

 

Dopo la seconda guerra mondiale, quasi tutte le forze armate passarono ad usare solo carri armati e veicoli per i loro soldati. Di conseguenza, i cavalli hanno finalmente perso il loro significato militare e sono stati utilizzati solo in pochi conflitti, di solito da partigiani, terroristi o perché il terreno non permetteva l'uso di veicoli e carri armati. I cavalli utilizzati ancora oggi nelle forze armate sono utilizzati solo per scopi cerimoniali, come ad esempio dai militari britannici in occasione di sfilate o matrimoni della casa reale.

 

Oltre all'uso diretto e indiretto dei cavalli come arma o supporto per un guerriero o un soldato, gli animali erano spesso utilizzati anche come animali da tiro. Già con gli egiziani i cavalli servivano per tirare i carri, perché uno o due cavalli venivano allungati prima dei carri e guidati da uno dei due soldati.

Nell'Impero Romano i cavalli venivano utilizzati in pochi casi come animali da tiro per i carri, poiché i cavalli erano generalmente costosi e gli ufficiali utilizzavano i mezzi finanziari necessari per la maggior parte dei cavalli. Come nel tardo Medioevo, per il trasporto dei carri venivano utilizzati buoi o asini.

Quando i cavalieri scomparvero con il Medioevo e i cavalieri si sedettero di nuovo senza pesanti armature sui cavalli aumentò di conseguenza anche la velocità con cui la cavalleria poteva superare lunghe distanze. Poiché i buoi e gli asini non avevano la stessa velocità dei cavalli, i cavalli erano spesso usati per i carri per poter trasportare rifornimenti e attrezzature con i soldati. Inoltre, con lo sviluppo della polvere da sparo e delle prime armi da fuoco, la logistica ha dovuto affrontare il compito di portarle al fronte. Anche qui i cavalli erano i più adatti, perché erano sufficienti in velocità e abbastanza forti per tirare le armi sempre più pesanti.

La funzione di animale da tiro per le pistole è stata mantenuta anche durante la prima e la seconda guerra mondiale, con l'aggiunta di altre varianti dei carrelli oltre alle pistole, ad esempio carrelli ospedalieri o cucine da campo. I cavalli sono stati utilizzati principalmente per il trasporto.

 

Soldati tedeschi e un cavallo su cui è montato un telaio appositamente costruito con una mitragliatrice russa Maxim M1910

Soldati tedeschi e un cavallo su cui è montato un telaio appositamente costruito con una mitragliatrice russa Maxim M1910

 

Un'ambulanza tedesca con cavalli morti uccisi a colpi d'artiglieria

Un'ambulanza tedesca con cavalli morti uccisi a colpi d'artiglieria

 

Artiglieria tedesca trainata da cavalli

Artiglieria tedesca trainata da cavalli

 

Cavalli da tiro tedeschi nel fango della campagna russa

Cavalli da tiro tedeschi nel fango della campagna russa

 

Polonia, unità coperte all'attraversamento del fiume

Polonia, unità coperte all'attraversamento del fiume

 

Dopo la seconda guerra mondiale, i cavalli non erano più utilizzati per il trasporto o per la cavalleria e sono stati sostituiti da camion.

 

 

 

Cammelli:

I cammelli erano la controparte dei cavalli, ma erano usati solo in Medio Oriente, in Africa e in alcune parti dell'Asia.

I vantaggi dei cammelli erano l'adattamento alle condizioni climatiche, molto più dure per i cavalli. Erano perfettamente attrezzati per l'uso nei deserti, potevano fare a lungo a meno dell'acqua e i loro zoccoli non affondavano nella sabbia così velocemente come gli altri animali.

Tuttavia, gli svantaggi sono stati la bassa velocità e la difficile formazione. Inoltre, i cammelli non potevano essere usati direttamente come armi, in quanto non potevano correre in giro come i cavalli e rompersi le ossa con gli zoccoli, ma con poche eccezioni questa tecnica potrebbe aver funzionato.

Come i cavalli, anche i cammelli sono stati utilizzati durante la prima e la seconda guerra mondiale, ma raramente sono stati utilizzati per scopi militari in seguito, in quanto i veicoli sono stati utilizzati per questo scopo.

 

Un soldato ottomano e il suo cammello

Un soldato ottomano e il suo cammello

 

Il corpo dei cammelli australiani nella prima guerra mondiale

Il corpo dei cammelli australiani nella prima guerra mondiale

 

Cammelli al loro posto di bere

Cammelli al loro posto di bere

 

A differenza dei cavalli, i cammelli sono stati utilizzati in misura minore per il trasporto di attrezzature o armi da fuoco. Solo i bagagli leggeri potevano essere portati con sé dagli animali, ma per altre attrezzature erano troppo deboli.

 

 

 

Asini e buoi:

Asini e buoi sono stati utilizzati per scopi civili fin dall'antichità, sia in agricoltura che nel trasporto di merci. Anche se gli animali erano chiaramente più ostinati e quindi più difficili da addestrare dei cavalli, erano comunque insostituibili.

All'inizio questi animali erano utilizzati per scopi militari e servivano sia come animali da tiro dei carri e quindi come attrezzature e rifornimenti per i soldati, sia come animali da tiro dei carri, oppure con bagagli più leggeri legati e direttamente adiacenti alle unità di combattimento. Poiché questi avevano solo una bassa velocità, gli animali non erano usati come animali da equitazione, solo nella prima guerra mondiale alcuni asini servivano i messaggeri come sostituti dei cavalli.

 

Scaricare un mulo da una nave tedesca durante la prima guerra mondiale

Scaricare un mulo da una nave tedesca durante la prima guerra mondiale

 

Un messaggero serbo per l'artiglieria nella prima guerra mondiale

Un messaggero serbo per l'artiglieria nella prima guerra mondiale

 

Mulo con arma da guerra e munizioni nella prima guerra mondiale

Mulo con arma da guerra e munizioni nella prima guerra mondiale

 

 

 

Cani:

I cani sono stati usati per scopi militari fin dall'antichità, in quanto potevano attaccare da soli i soldati nemici o proteggere i loro proprietari. Tuttavia, tali missioni erano molto rare. Nel Medioevo i cani sono stati utilizzati come rivelatori per la prima volta.

Solo all'inizio del XX secolo i militari cominciarono ad utilizzare un gran numero di cani per i loro scopi. Dal 1908 il tenente Jupin iniziò a introdurre i cani da servizio nell'esercito francese in Francia, e le forze armate degli altri stati seguirono rapidamente l'esempio francese. I compiti dei cani sono stati classificati nelle seguenti categorie:

  • Cane da guardia
  • Cane medico per l'individuazione dei feriti
  • Cane per il rilevamento di esplosivi
  • Come animale da traino per slitte leggere (solo nella prima guerra mondiale)
  • Messaggero cane
  • Cane anticarro (esperimento della seconda guerra mondiale)
  • Cane per il rilevamento di droga (dopo la seconda guerra mondiale)

Le prime razze di cani principalmente usate furono i Collie e i Pastori.

Durante la prima guerra mondiale, i cani erano usati quasi esclusivamente come messaggeri, per posare cavi di comunicazione e per trasportare attrezzature leggere. Dal momento che sui fronti i compiti erano di solito troppo pericolosi per i soldati e questi hanno dato un più grande e quindi per i tiratori nemici un bersaglio migliore, i cani sono stati volentieri utilizzati per la trasmissione di messaggi. Erano più veloci, più difficili da colpire e potevano attraversare meglio il difficile terreno. Lo stesso vale per la posa di cavi per la comunicazione.

Soprattutto da parte dei belgi i cani sono stati imbrigliati davanti a slitte leggere e hanno trasportato attrezzature e forniture ai soldati. I cani erano utilizzati anche per il trasporto da parte degli inglesi, ma venivano trasportate soprattutto gabbie con i piccioni.

 

Un cane messaggero viene mandato via dai soldati tedeschi durante la battaglia

Un cane messaggero viene mandato via dai soldati tedeschi durante la battaglia

 

Un cane porta delle bende ad un soldato inglese ferito

Un cane porta delle bende ad un soldato inglese ferito

 

Un cane stende un cavo di comunicazione tra le sezioni anteriori

Un cane stende un cavo di comunicazione tra le sezioni anteriori

 

I civili belgi usano un cane per trasportare i loro effetti personali

I civili belgi usano un cane per trasportare i loro effetti personali

 

Un soldato tedesco e il suo cane

Un soldato tedesco e il suo cane

 

Quanti cani sono stati effettivamente utilizzati durante la prima guerra mondiale e quanti sono morti non è ancora chiaro oggi.

 

Durante la seconda guerra mondiale i cani sono stati utilizzati anche in gran numero, dove i compiti si sono limitati alle sole attività di segnalazione e ai doveri di guardia, in quanto i cani da tiro non sono più utilizzati. Tuttavia, la ricerca di mine e la ricerca di feriti sotto le macerie è stato aggiunto come un nuovo campo di attività, dal momento che entrambe le miniere sono state posate su grandi aree e le città sono state bombardate massicciamente.

Alcuni cani dell'esercito sovietico, addestrati come cani anticarro, avevano un impiego particolarmente perfido. Questi dovrebbero strisciare caricato con esplosivi sotto i carri armati tedeschi ed esplodere lì e distruggere il serbatoio. Nelle prime missioni, tuttavia, si è scoperto che, da un lato, i cani non riuscivano a distinguere tra carri armati tedeschi e sovietici e, dall'altro, che spesso gli animali avevano troppa paura dei carri armati e scappavano da loro.

 

Addestramento dei cani militari sovietici

Addestramento dei cani militari sovietici

 

Cane da compagnia di un soldato della Wehrmacht

Cane da compagnia di un soldato della Wehrmacht

 

Un soldato tedesco e due dei suoi cani

Un soldato tedesco e due dei suoi cani

 

Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale i cani persero completamente le loro qualità tattiche nelle forze armate e furono usati solo per il servizio di guardia.

La situazione cambiò solo con i conflitti in Vietnam, dove la giungla rendeva quasi impossibile l'uso dei carri armati e i cani erano necessari per rintracciare i nemici. Anche nei successivi conflitti con i guerriglieri, che non aderivano al modo classico della guerra, i cani erano incessantemente alla ricerca di nascondigli e agguati. Al giorno d'oggi, sistemi sempre più moderni si fanno carico di questi compiti, cosicché i cani non sono quasi più presenti in tali missioni, ma i servizi di sicurezza vengono ancora svolti con loro.

 

 

 

Elefanti:

All'inizio gli elefanti servivano principalmente come posti di comando elevati, in seguito servivano anche come piattaforme per arcieri e lanciatori di giavellotto. Anche l'animale stesso era in parte usato come arma, perché, oltre all'effetto shock delle sue dimensioni sul campo di battaglia, poteva calpestare la fanteria nemica o ferirla gravemente. A causa del fatto che gli elefanti stessi sono facilmente in preda al panico e potrebbero causare pesanti perdite scoppiando nei loro stessi ranghi, raramente sono stati utilizzati in prima linea di una battaglia.
Il primo elefante-taminazione ha avuto luogo nella prima cultura dell'Indo circa 4000 anni fa. Gli elefanti non sono stati allevati con poche eccezioni, ma sempre catturati e domati in natura. Il primo uso di elefanti per scopi bellici ebbe luogo intorno al 1100 a.C. e fu menzionato per la prima volta negli antichi inni sanscrito. Gli elefanti furono importati dall'India nell'impero persiano e utilizzati in diverse campagne, ad esempio durante l'invasione di Serse in Grecia.

 

Elefanti da guerra

Elefanti da guerra

 

Già nel 400 a.C. i faraoni egiziani costruirono la città di Ptolemais Theron (la riserva di caccia di Ptolemaio), il porto marittimo di Meroe sulla costa del Mar Rosso nell'attuale Sudan, che divenne un punto di trasbordo per gli elefanti catturati. Nell'impero meroitico gli elefanti erano usati anche nelle guerre, probabilmente come supporto per il re e per le cerimonie. Sulla parete ovest del Tempio del Leone di Musawwarat si trova un rilievo raffigurante una processione di elefanti e prigionieri di guerra.

Gli elefanti da guerra sono stati utilizzati anche nel tardo Impero Romano.
Il primo incontro di Roma con gli elefanti da guerra ebbe luogo nella battaglia di Eraclea 280 a.C. contro Pirro. Il generale più famoso che usava elefanti da guerra contro Roma era il cartaginese Annibale. La sua traversata delle Alpi con 37 elefanti prevalentemente africani, ma anche almeno un elefante indiano nel 218 a.C. Tuttavia, dopo la pesante perdita della traversata delle Alpi e della battaglia di Trebia, aveva a disposizione un solo elefante nella battaglia del Lago Trasimeno. Egli comandò la battaglia da questo elefante indiano di nome Suru, che non doveva essere menzionato durante la sua ulteriore campagna in Italia. Suo fratello doveva portare altri elefanti da guerra dalla Spagna per rinforzo, ma è stato battuto nella battaglia di Metauro. Nell'ultima battaglia di Annibale, la battaglia di Zama del 202 a.C., sempre in terra africana, divenne chiaro, tuttavia, che gli elefanti dei Cartaginesi, che non erano ancora pienamente addestrati, avevano paura delle fanfare romane. Inoltre, il loro uso era inefficace, poiché i Romani formavano vicoli per gli elefanti e quindi solo pochi soldati venivano calpestati. 156 anni dopo, nella battaglia di Thapsus del 6 febbraio 46 a.C., Giulio Cesare armò il suo Legio V Alaudae con asce e diede istruzioni per colpire le gambe degli animali. La legione vinse e scelse come animale araldico l'elefante da guerra. La battaglia di Thapsus è considerata l'ultimo grande uso degli elefanti da guerra nella cultura occidentale.

In tarda antichità, ci raccontano Ammiano Marcellino, Procopio di Cesarea e autori arabi, specialmente gli elefanti sassanidi di guerra, tra l'altro anche nelle lotte contro i romani. Nella battaglia di Avarayr (451 d.C.) furono usati dai Sassanidi contro gli Armeni, nella battaglia di Kadesia (636 d.C.) contro gli Arabi.

Per l'Impero Aksumita, situato nel nord dell'attuale Etiopia, è documentato l'uso di elefanti da guerra fino alla sua caduta nel VII secolo. Nonnoso è venuto come inviato di Giustiniano da Costantinopoli ad Aksum a metà del VI secolo e ha stimato il numero di elefanti selvatici negli altopiani etiopi a circa 5000. Sura 105 nel Corano ("L'elefante") si basa su una campagna del re cristiano di Aksum con 13 elefanti contro la Mecca nell'anno di nascita di Maometto intorno al 570.

Nel Medioevo poi gli elefanti sono scomparsi completamente nell'esercito in Europa. Solo in Asia, specialmente in India, gli elefanti continuarono ad essere usati per scopi militari, ma questo fu interrotto dopo il rilascio della polvere da sparo.

Durante la prima guerra mondiale, tuttavia, alcuni elefanti sono stati utilizzati di nuovo. Tuttavia, si trattava esclusivamente di animali dello zoo che venivano chiamati per i lavori di pulizia. Così, alcuni animali dello zoo di Amburgo erano subordinati all'esercito tedesco e sono stati coinvolti nella rimozione delle macerie e dei blocchi stradali in Belgio e Francia.

 

Un elefante dello zoo al servizio dell'esercito tedesco

Un elefante dello zoo al servizio dell'esercito tedesco

 

 

 

Piccioni:

I piccioni addomesticati sono stati utilizzati fin dall'antichità per trasmettere messaggi su lunghe distanze. Solo con l'invenzione e l'introduzione di cavi telefonici e radio i piccioni sono diventati superflui.

I primi tentativi di utilizzare i piccioni in numero maggiore per la trasmissione del messaggio furono già iniziati dal Sumererer, che riconobbe la speciale capacità dei piccioni di ritrovare i suoi Nistplätzen anche da luoghi lontani da se stessi. Questa circostanza permetteva di inviare piccoli pezzi di carta con messaggi da tutto l'impero in un certo luogo, il cui viaggio con la gente di solito richiedeva giorni o settimane, è diventato molto più veloce con l'aiuto dei piccioni.

Questo tipo di comunicazione fu poi adottato sia dagli Egiziani che dall'Impero Romano, anche se i Romani usavano i piccioni principalmente per i loro scopi militari e meno per scopi civili.

Dopo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente, i piccioni scomparvero dall'Europa, ma in Medio Oriente questa forma di comunicazione rimase molto diffusa. Solo dopo le crociate i piccioni sono stati riportati in Europa e riutilizzati.

A partire dalla metà del XIX secolo e dallo sviluppo del sistema telegrafico, iniziò a svilupparsi un sistema di messaggistica competitiva. Con lo scoppio della prima guerra mondiale, tuttavia, e la suscettibilità delle linee di bombardamento o sabotaggio, i piccioni tornarono ad essere molto importanti e furono utilizzati da tutte le forze armate coinvolte in gran numero. Si stima che durante l'intera guerra furono usati fino a 100.000 piccioni. Per il trasporto e l'alloggio, alcuni loft mobili per i piccioni sono stati realizzati con autobus o legati a cavalli e asini. All'inizio della guerra, anche alcuni piccioni furono equipaggiati con macchine fotografiche e collocati sopra le posizioni nemiche, dove le macchine fotografiche scattavano le foto del fronte e queste venivano poi valutate. Con il miglioramento dei piani di ricognizione, tuttavia, i piccioni non hanno avuto questo compito dopo qualche tempo.

 

Una colomba con una telecamera attaccata per le ricognizioni

Una colomba con una telecamera attaccata per le ricognizioni

 

Un messaggio ha raggiunto i soldati britannici al fronte

Un messaggio ha raggiunto i soldati britannici al fronte

 

Un loft mobile per piccioni da un autobus convertito

Un loft mobile per piccioni da un autobus convertito

 

Nonostante l'ulteriore sviluppo della trasmissione telefonica e radiofonica, durante la seconda guerra mondiale i piccioni sono stati utilizzati in gran numero. Con oltre 300.000 animali, il numero supera addirittura quello della prima guerra mondiale. Lo sfondo era principalmente la preoccupazione per l'intercettazione della comunicazione da parte del nemico e il sabotaggio dell'infrastruttura e quindi il fallimento della comunicazione. Così i piccioni, soprattutto nell'esercito britannico, erano considerati incessanti e importanti per la guerra. A differenza della prima guerra mondiale, tuttavia, i piccioni venivano usati soprattutto di notte per rendere più difficile il tiro. La Wehrmacht tedesca, invece, si è affidata principalmente alla nuova tecnologia radio invece che ai piccioni. Per intercettare gli animali nemici, i grifoni sono stati addestrati appositamente per cacciare i piccioni.

 

Dopo la seconda guerra mondiale, i piccioni scomparvero in gran parte dalle forze armate, che utilizzavano quasi esclusivamente i moderni mezzi di comunicazione. L'ultimo grande dispiegamento è stato nella guerra di Corea, quando i soldati americani sotto copertura hanno dovuto comunicare con altre parti dell'esercito americano dietro le linee nemiche. In seguito i piccioni scomparsi anche nelle forze armate statunitensi, infine.

 

 

 

Altri animali:

Oltre agli animali di cui sopra, alcuni sono stati aggiunti nel corso del tempo per scopi militari. Questi sono stati utilizzati in quantità molto piccole o solo per esperimenti.

Attivamente utilizzati per scopi militari sono stati tra gli altri:

  • Suini
    I maiali erano usati dalla legione romana quando incontravano gli elefanti da guerra durante le loro campagne. Poiché gli elefanti avevano paura dei grugniti sconosciuti degli animali, potevano confondersi. Quando questa tattica non ha più funzionato, i maiali sono stati versati sopra con olio, accesi e guidati in direzione degli elefanti. Quando i maiali sono arrivati, gli elefanti si sono fatti prendere dal panico e sono passati o hanno potuto essere combattuti dai legionari
  • Gatti
    I gatti sono stati usati solo per scopi puramente militari durante la prima guerra mondiale. A causa delle condizioni delle posizioni e delle trincee, topi e ratti riprodotti in modo incontrollabile. A causa dei numerosi corpi che non potevano essere recuperati, gli animali avevano cibo a sufficienza e si abituarono ai soldati molto rapidamente, cosicché spesso erano tormentati da topi o ratti durante il sonno o danneggiati da cibo e attrezzature. I gatti dovevano trovare e decimare i roditori, il che alla fine era molto buono per i soldati
  • Delfini
    I delfini sono stati addestrati principalmente dalla Marina degli Stati Uniti e anche dalla Marina russa per trovare e salvare sia le miniere navali o marinai in difficoltà. Esperimenti sono stati effettuati anche con tentativi da parte dei delfini di attaccare patelle alle navi nemiche e di accenderle con il tempo o con un detonatore a distanza

Per scopi sperimentali sono stati utilizzati tra le altre cose:

  • Mazze
    I pipistrelli sono stati utilizzati dall'esercito americano per scopi sperimentali durante la seconda guerra mondiale. Dovrebbero essere dotati di bombe incendiarie e dare fuoco agli edifici giapponesi. Dopo alcuni tentativi falliti, questo progetto è stato abbandonato
  • Leoni marini
    I leoni marini hanno un'intelligenza simile a quella dei delfini, motivo per cui sono stati utilizzati per compiti simili. Anche se ci sono stati alcuni esperimenti con questi animali, non c'erano usi reali

 

Oltre all'uso diretto o indiretto nell'esercito, c'erano parecchi animali che venivano usati solo per il morale delle truppe. Questi animali avevano lo scopo di rallegrare i soldati feriti, accompagnare la terapia psicologica o servire da mascotte per un solo soldato o per un'intera unità. Ancora oggi, gli animali sono ancora utilizzati per questo nelle forze armate moderne.

 

Un koala bear serve a rallegrare un ospedale militare australiano durante la prima guerra mondiale

Un koala bear serve a rallegrare un ospedale militare australiano durante la prima guerra mondiale

 

Un gatto serve come mascotte su una nave da guerra britannica

Un gatto serve come mascotte su una nave da guerra britannica

 

Un soldato delle Waffen SS che accarezza piccoli gattini

Un soldato delle Waffen SS che accarezza piccoli gattini

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Animali in guerra vittime innocenti. Le barbare uccisioni nella I e II guerra mondiale di cani, cavalli, cavalli, muli, piccioni e di tante altre bestie

Animali in guerra vittime innocenti. Le barbare uccisioni nella I e II guerra mondiale di cani, cavalli, cavalli, muli, piccioni e di tante altre bestie Copertina flessibile – 3 apr 2019

La storiografia ha sempre concentrato le sue attenzioni sugli animali in guerra al solo contributo logistico, mentre è stata più che carente nella disamina delle argomentazioni inerenti le afflizioni e il tributo di sangue versato dagli stessi animali. "Perché non venne riconosciuta agli animali una totale neutralità bellica?" "Dov'erano gli uomini mentre si commettevano codeste infami e crudeli barbarie ai danni di bestie innocenti?" La presente opera è dunque incentrata sulle sofferenze patite dagli animali in guerra (1915/18 e 1940/45) che altro non furono se non umili personaggi soggiogati all'egoismo umano.

Clicca qui!

 

 

La guerra verticale. Uomini, animali e macchine sul fronte di montagna. (1915-1918)

La guerra verticale. Uomini, animali e macchine sul fronte di montagna. (1915-1918) Copertina flessibile – 9 apr 2019

Quando, il 24 maggio 1915, si aprì il fronte italo-austriaco, nessuno di coloro che avevano teorizzato la guerra di montagna avrebbe mai immaginato che cosa sarebbe stata. Tanto meno coloro che si accingevano a combatterla. Non fu guerra lampo, né di movimento, fu guerra di posizione: ma su un terreno sconosciuto, inospitale, e che da lì a poco avrebbe mietuto le sue vittime con il freddo e le valanghe. Gli eserciti dovettero misurarsi anche con quella Natura: sublime alla vista, celebrata, nemica. Lì dove si pensava potessero agire solo piccole pattuglie, si stanziarono ingenti masse d'uomini che, per vivere, dovettero trascinare in quota masse di animali, e una quantità iperbolica di materiali, macchine e armi; sfollare parte delle popolazioni e militarizzarne altra; allestire un esercito parallelo di lavoratori civili e prigionieri. La guerra di montagna fu molte guerre: di masse sugli altopiani, alpinistica sulle Dolomiti e sui ghiacciai, sotterranea in tutti i settori, tecnologica e di saperi. Infine, si fece sistema che si autoregolava, sovrapponendosi e sostituendosi a quello alpino. Il libro di Leoni racconta come tutto ciò poté accadere, di come la sfida militare fosse stata preannunciata da quella turistico-alpinistica fin dalla seconda metà dell'Ottocento; di come vissero e raccontarono quell'esperienza i combattenti, ma anche i prigionieri, i civili; di come cambiarono le relazioni fra uomo e ambiente.

Clicca qui!

 

 

Presenti! Muli e altri animali protagonisti della grande guerra. Con Poster

Presenti! Muli e altri animali protagonisti della grande guerra. Con Poster Copertina flessibile – 3 ago 2018

Non solo cavalli e muli, gli "amici degli Alpini", ma anche cani, gatti, piccioni furono arruolati nella "silenziosa armata" che partecipò alla prima guerra mondiale.

Clicca qui!

 

 

Il bravo soldato mulo. Storie di uomini e animali nella grande guerra

Il bravo soldato mulo. Storie di uomini e animali nella grande guerra Copertina flessibile – 7 feb 2012

Nella Prima guerra mondiale accanto agli uomini ha combattuto un esercito di animali. Muli, buoi, cani, cavalli, maiali, piccioni vennero utilizzati per lo spostamento di reparti e materiali, per le comunicazioni e per il sostentamento delle truppe. La forzata coabitazione con gli uomini avvicinò gli uni agli altri in un possibile destino di morte e sofferenza: ufficiali e militari di truppa avevano così la possibilità di dare e ricevere affetto, ma anche quella di occuparsi di esseri più deboli e del tutto dipendenti da loro. Attraverso lettere, diari e fotografie scattate dagli stessi combattenti, Lucio Fabi ricostruisce ricordi, storie, episodi di vita vissuta del rapporto, dentro e fuori la trincea, tra uomini e animali, riscoprendo incredibili momenti di assoluta serenità e tenerezza in uno dei più tragici periodi della storia contemporanea.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!