Canon de 75 modèle 1897

Il cannone da caccia Canon de 75 modèle 1897 è considerato il primo cannone d'artiglieria moderna, introdotto in Francia alla fine del XIX secolo e utilizzato fino alla seconda guerra mondiale.

Nel 1891 la società Bourges Arsenal, guidata dal capitano Sainte-Claire Deville, sviluppò un nuovo cannone da 57 mm, che già utilizzava la maggior parte delle più avanzate tecnologie di artiglieria dell'epoca:

  • La polvere senza fumo di Vieille introdotta nel 1884
  • Una munizione autonoma di ottone
  • Un breve meccanismo di rinculo idropneumatico progettato dal maggiore Louis Baquet.
  • Un nuovo tipo di tappo a vite sviluppato da Thorsten Nordenfelt

Quest'arma, progettata come arma sperimentale, dovrebbe servire come base per ulteriori sviluppi. In particolare il meccanismo del rinculo dovrebbe essere migliorato. Già nel 1890 l'ingegnere tedesco Konrad Haussner aveva sviluppato e brevettato un sistema di rinculo ad olio e aria compressa. Anche il direttore della scuola francese di artiglieria, il generale Mathieu, sapeva dai servizi segreti che la ditta tedesca di artiglieria Krupp avrebbe potuto voler rilevare questo sistema.

Tuttavia, Konrad Haussner in seguito volle vendere il suo brevetto in modo redditizio, cosicché nel febbraio 1892 anche gli ingegneri francesi dell'artiglieria ebbero l'opportunità di esaminare più da vicino questo sistema. Poiché all'epoca la Francia non disponeva di mezzi finanziari sufficienti per tale acquisto, il generale Mathieu ha chiesto all'allora direttore dell'Atelier de Construction de Puteaux se una replica francese fosse possibile senza violare i diritti di brevetto. Dopo una revisione e la conferma che tale replica era possibile, l'ordine ufficiale fu dato dall'esercito il 13 luglio 1892.

Sotto la direzione del generale Deloye, nei 5 anni successivi sono stati effettuati lavori su un'arma d'artiglieria pronta per la serie con un calibro di 75 mm sotto la più stretta segretezza. Nel marzo 1898 furono presentati i primi prototipi per le prove. Durante l'estate sono stati effettuati test approfonditi. Nel complesso, la pistola si è dimostrata molto promettente, ma come la maggior parte delle altre pistole dell'epoca, aveva anche una perdita di fluido idraulico. Le armi sono state quindi restituite all'azienda per la revisione.

Due giovani ingegneri militari dell'Ecole Polytechnique furono finalmente in grado di risolvere i problemi del fluido fuoriuscito fino al 1896 migliorando gli anelli in lega d'argento sul pistone in movimento libero e separando così l'aria compressa e il fluido idraulico all'interno del cilindro di retrazione principale idropneumatico, che non poteva più perdere.

Dopo diverse prove, anche su terreni e condizioni difficili, l'arma fu ufficialmente introdotta ufficialmente all'esercito francese il 28 marzo 1898.

Fino all'introduzione dell'arma e al suo lancio ufficiale, sia lo sviluppo che la produzione erano tenuti segreti. Il meccanismo idropneumatico di rinculo ha mantenuto sia la canna che le ruote nella stessa posizione dopo la cottura. Questo significava che la pistola non doveva essere riposizionata dopo ogni colpo. Con un raggio d'azione di circa 8.500 metri e una velocità di tiro di 15 colpi al minuto, con un equipaggio esperto in un breve periodo di tempo erano possibili anche 30 colpi al minuto, questo fucile era considerato il più moderno del suo tempo.

 

 

Canon de 75 modèle 1897

 

Canon de 75 modèle 1897

 

Canon de 75 modèle 1897 e il suo personale operativo

 

 

All'inizio della prima guerra mondiale, l'esercito francese aveva a disposizione quasi 4.000 di queste armi. Questi sono stati combinati per formare una batteria per pistole da campo con 4 pistole e 170 soldati ciascuno, più 4 ufficiali. Per il trasporto di una pistola erano necessari 6 cavalli.

Fino alla fine della guerra furono prodotte altre 17.500 armi. Per essere in grado di produrre tali quantità, all'inizio del 1915, oltre alle aziende statali, furono incluse nella produzione anche aziende private. Tuttavia, questo portò alla lavorazione di materiale più povero e molte pistole diventarono inutilizzabili a metà del 1915. Solo quando il Ministero della Difesa francese ha applicato standard uniformi, la qualità può essere aumentata in modo significativo.

Oltre all'esercito francese, anche l'esercito britannico e più tardi quello americano ricevettero le versioni per l'esportazione delle armi da fuoco.

Soprattutto durante la battaglia della Marna nell'agosto-settembre 1914 e intorno a Verdun nel 1916, questi fucili potevano distinguersi. Solo a Verdun erano in uso 1.000 pistole 24 ore su 24 per essere utilizzate contro le truppe tedesche.

Con l'inizio della guerra di posizione, tuttavia, la debolezza dell'arma divenne evidente. Questo era previsto fin dall'inizio per l'impiego contro l'avanzata dei soldati. Questi dovevano essere uccisi o feriti con schegge o conchiglie di melinite. Le pistole non puntavano quasi mai contro impianti fortificati o bunker di cemento.

All'inizio del 1917 i cannoni furono gradualmente sostituiti dai pesanti cannoni da 155 mm. Alcuni dei Canon de 75 modèle 1897 sono rimasti sul davanti e sono stati utilizzati per sparare gas di senape e fosgene per la guerra chimica.

 

 

Soldati americani con cannoni Canon de 75 modèle 1897

 

Una Canon de 75 modèle 1897 è pronta per il trasporto

 

Soldati francesi su un Canon de 75 modèle 1897

 

 

Alcuni dei fucili sono stati utilizzati anche come armamento per i nuovi serbatoi di Saint-Chamond.

 

 

Serbatoio Saint-Chamond

 

 

Dopo la prima guerra mondiale molti dei cannoni francesi furono consegnati al nuovo esercito polacco per sostenerli nella loro lotta contro l'Unione Sovietica. Sotto la denominazione 75 mm Armata wz.1897 nel 1939 con l'invasione della Wehrmacht tedesca c'erano ancora circa 1.374 fucili in servizio nell'esercito polacco. Questi sono stati in parte distrutti durante la guerra, ma molti sono stati catturati dalla Germania.

I cannoni rimasti nell'esercito francese furono modernizzati dopo la prima guerra mondiale e convertiti in cannoni anticarro. Come Canon de 75 Mle 1897/33 le pistole sono state equipaggiate con pneumatici in gomma per poter applicare una velocità corrispondentemente elevata per i nuovi camion. Proprio come i cannoni polacchi, la Wehrmacht tedesca è riuscita a catturare molti dei cannoni francesi dopo la vittoria. Complessivamente sono state catturate oltre 3.500 armi, che sono state montate sulle auto tedesche Pak 38 e utilizzate principalmente in Russia. Quando queste pistole potevano essere sostituite con il più potente Pak 40 da 7,5 cm, le pistole più vecchie erano installate principalmente nella parete atlantica.

Il corpo di spedizione britannico perse anche la maggior parte delle armi che avevano comprato dalla Francia durante la prima guerra mondiale, quando la Wehrmacht tedesca invase la Francia e spinse gli inglesi a fuggire attraverso la Manica vicino a Dunkerque. Dopo la perdita, la Gran Bretagna comprò 895 armi dagli Stati Uniti, che durante la prima guerra mondiale avevano comprato anche molte armi dalla Francia e le avevano in parte costruite su licenza. Accanto ai fucili furono importati anche molti veicoli M3 a mezza catena, che servivano principalmente come veicoli per il traino dei fucili.

Negli Stati Uniti le armi furono sostituite nel 1941, ancora prima dell'inizio della guerra, dal più moderno obice M2A1 105 mm M101 come arma anticarro standard. Le armi ora rilasciate furono montate su M3 Half-Tracks e utilizzate principalmente nella guerra del Pacifico contro le truppe giapponesi.

 

 

I soldati polacchi del 1° reggimento di artiglieria da campo sono addestrati in Gran Bretagna con un cannone francese da 75 mm

 

Soldati americani durante la manovra Tenessee del 1941 con una Halftrack M2 e una pistola da 75 mm

 

Soldati americani durante la manovra Tenessee del 1941 con una Halftrack M2 e una pistola da 75 mm

 

 

 

Scheda tecnica:

Individuazione: Canon de 75 modèle 1897
Paese di produzione: Francia
Anno di introduzione: 1898
Quantitativo: Oltre 21.000 pezzi
Calibri: 75 mm
Lunghezza del tubo: 2,69 metri
Fascia: Massimo 8.500 metri
Peso: 1,54 tonnellate

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Le trattrici italiane della grande guerra. Il traino meccanico delle artiglierie dalle origini al 1918

Le trattrici italiane della grande guerra. Il traino meccanico delle artiglierie dalle origini al 1918 Copertina flessibile – 15 set 2014

Storia dei mezzi meccanici che hanno permesso lo spostamento veloce di artiglierie - ma anche di uomini e materiali - da una parte all'altra del fronte italiano nella Prima Guerra Mondiale.

Clicca qui!

 

 

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica. Ediz. illustrata: 1

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica. Ediz. illustrata: 1 Copertina rigida – 1 gen 2011

Tecnica, munizionamento e industria bellica alla prova dell'uso in prima linea per l'appoggio della fanteria e delle squadre d'assalto.

Clicca qui!

 

 

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica: 2

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica: 2 Copertina rigida – 1 gen 2012

Clicca qui!

 

 

Fuoco sull'Ortigara. Artiglieria pesante e aviazione nella grande guerra

Fuoco sull'Ortigara. Artiglieria pesante e aviazione nella grande guerra Copertina flessibile – 11 lug 2017

Furono tra i protagonisti militarmente rilevanti della battaglia dell’Ortigara, ma la loro presenza è passata sostanzialmente sotto silenzio. Le artiglierie ferroviarie francesi ritrovano ora il ruolo che gli spetta nella storia del conflitto lungo il fronte italiano grazie a Luca Girotto e Luigino Caliaro, autori di “Fuoco sull’Ortigara”. 168 pagine a colori, formato 21×23, che con il supporto di oltre 140 straordinarie foto in gran parte inedite e grazie a documenti usciti dagli archivi d’oltralpe documentano per la prima volta una storia mai scritta prima.Spiegano gli autori: in previsione della battaglia dell’Ortigara, gli accordi tra alleati prevedevano l’arrivo di un appoggio d’artiglieria francese a supporto dell’offensiva. Per varie ragioni, soprattutto per non privarsi di artiglierie campali assolutamente indispensabili sul fronte occidentale, la scelta francese ricadde sull’invio di alcune imponenti artiglierie ferroviarie pesanti. Per immaginare quale impatto possono aver avuto sui contemporanei è sufficiente guardare gli scatti ritrovati da Girotto e Caliaro che documentano la mole colossale di cannoni come quelli da 320 mm M.le 70-93 su affusto Schneider con una lunghezza complessiva della struttura di quasi 26 metri per 162.000 kg di peso.

Clicca qui!

 

 

Basti in groppa! L'artiglieria someggiata dall'Armata Sarda all'Esercito Italiano

Basti in groppa! L'artiglieria someggiata dall'Armata Sarda all'Esercito Italiano Copertina flessibile – 10 apr 2018

Sullo specifico argomento esistono solo un numero sorprendentemente ridotto di lavori limitati all'ambiente alpino e all'artiglieria da montagna ma altri aspetti, come l'artiglieria coloniale e l'artiglieria someggiata non alpina sono rimasti in gran parte inesplorati. Ecco quindi un interessante e inedito studio sulla storia di tutte le artiglierie someggiate dell'Esercito Italiano, a partire dalle guerre risorgimentali e fino ai giorni nostri, illustrato con un'importante numero di fotografie, stampe e disegni.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!