Conquiste assire

Con il loro esercito temibile e potente, gli Assiri avevano creato uno strumento per le loro conquiste che non era mai esistito prima. Inoltre, per la prima volta gli assiri hanno integrato lo sfruttamento sistematico dei sconfitti per il mantenimento delle proprie forze armate. Righelli come Tiglatpileser III o Assurbanipal II erano esportatori particolarmente importanti di questo nuovo metodo di guerra.

L'inizio dell'ascesa dell'Assiria ad una grande potenza nella regione ebbe luogo intorno al 911 aC, quando i governanti Adad-neraris II e più tardi Assurnassirpal II erano al potere. A quel tempo l'impero si estendeva già su gran parte della Mesopotamia e del Libano. Tuttavia, l'impero raggiunse la sua piena dimensione solo sotto il dominio Tiglatpileser III intorno al 745 aC. Non solo i confini a sud e ad est sono stati abbattuti nella Mesopotania meridionale, in Palestina e nell'Anatolia orientale, ma anche le forze armate dell'Assiria sono state trasformate per la prima volta in un esercito permanente. La maggior parte dell'esercito era costituita da soldati di piede dotati di archi, lance e scudi.

 

 L'impero assiro

L'impero assiro

 

 

La cosiddetta élite delle forze armate erano assiri corpi di carro e più tardi anche la cavalleria. Gli Assiri svilupparono una pesante carrozza a quattro cavalli con un equipaggio di 4 uomini, probabilmente composto da 2 combattenti d'elite e 2 portatori di scudo che guidavano anche la carrozza. A causa del numero elevato di questi carri, è stato anche possibile avere un effetto shock sull'avversario durante la guerra. Nonostante questo effetto, questi carri in seguito si sviluppò nella cavalleria assira, corazzati e attrezzati con lancia piloti che gradualmente sostituito i carri ingombranti delle forze armate.

 

 

 Carro assiro

Carro assiro

 

 

La politica militare dell'impero assiro era interamente orientata alla conquista di paesi stranieri. Ciò poteva essere ottenuto, da un lato, attraverso una logistica sofisticata e, dall'altro, attraverso il fatto che l'approvvigionamento delle forze armate era effettuato dalle stesse aree conquistate. Questo è stato fatto da risorse, cibo o soldati. Questa situazione è stata mantenuta attraverso il terrore violento, il rapimento e il saccheggio.

 

 

Guerrieri Assiri

 

Guardia di vita assira

 

 

 

La caduta dell'Impero Assiro fu infine iniziata dalle stesse campagne di conquista. A causa dell'immensa espansione nel sud dell'Egitto, né i confini né le aree conquistate potevano essere protetti da nemici e rivolte, tanto che finalmente nel 612 aC un'unione di babilonesi, medaglie e orde di steppe conquistarono e saccheggiarono la capitale assira Ninive. I resti dell'esercito assiro insieme con gli egiziani hanno continuato a resistere per qualche tempo, ma nella sconfitta devastante contro i babilonesi caldei a Karkemisch nel 605 aC, l'era assira finì completamente.

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Le leggende babilonesi della Creazione: tratte dalle tavolette assire provenienti da Ninive

Le leggende babilonesi della Creazione: tratte dalle tavolette assire provenienti da Ninive Copertina flessibile – 28 nov 2014

Le tavolette di argilla che descrivono le credenze dei Babilonesi e degli Assiri circa l'epoca della creazione sono state scoperte da Mr.AH Layard, Mormuzd Rassam e George Smith, assistente presso il Dipartimento di Antichità Orientali del british museum. Sono stati trovati tra le rovine del palazzo di Ashur-bani-pal (BC 668-626) a Kuyunjik (Ninive), tra gli anni 1848 e 1876. Tra il 1866 e il 1870, il grande ritrovamento di circa 20.000 oggetti, che Rassam fece nel 1852, venne poi elaborato da George Smith, che identificò molte iscrizioni storiche di Shalmaneser II, Tiglatpileser III, Sargon II, Sennacherib, Esarhaddon, e altri re menzionati nella Bibbia, oltre a diverse composizioni letterarie. Nel corso di questo lavoro scoprì frammenti di varie versioni della leggenda del Diluvio, e porzioni di testi appartenenti a un'opera che trattava della Creazione. La pubblicazione dei testi e delle traduzioni dimostrato al di là di ogni dubbio la correttezza dell'affermazione di Rawlinson del 1865, secondo cui "alcune parti delle Leggende della Creazione babilonesi e assire somigliavano profondamente ai passaggi dei primi capitoli del libro della Genesi."

Clicca qui!

 

 

I sumeri

I sumeri Copertina flessibile – 22 giu 2005

Le grandiose costruzioni templari, le migliaia di tavolette incise, i tesori delle tombe regali, i poemi epici ispirati a Gilgamesh: è l'eredità lasciata dal mondo sumerico agli archeologi che da oltre un secolo inseguono le vestigia di un popolo, affascinante e misterioso, di cui sono ancora ignote le origini e l'appartenenza etnica. Giovanni Pettinato compone una globale immagine che testimonia l'imponente incidenza culturale dei Sumeri, i quali costruirono con Uruk la prima città, inventarono la scrittura, istituirono l'insegnamento scolastico, il sistema bicamerale, lo Stato sovrano. L'opera è completata da ampie citazioni di testi mitologici.

Clicca qui!

 

 

Cosmologia e alchimia babilonesi

Cosmologia e alchimia babilonesi Copertina flessibile – 2 mar 2017

Concepito come «capitolo introduttivo di un'opera più ampia sull'evoluzione mentale dell'umanità», Cosmologia e alchimia babilonesi (1937) mette in luce l'interdipendenza tra le rappresentazioni cosmologiche e le misteriose pratiche alchemiche e metallurgiche assiro-babilonesi, sottolineandone il simbolismo religioso e le valenze esoteriologiche: concezioni molto arcaiche, con cui il pensiero occidentale si è costantemente confrontato fino all'Età Moderna. Sorretto da una solida documentazione e caratterizzato da un'esposizione chiara e accessibile, questo brillante saggio del giovane Eliade anticipa in modo esemplare i suoi contributi maggiori all'ermeneutica del sacro, conosciuti soprattutto grazie al Trattato di storia delle religioni, Lo sciamanesimo e le tecniche dell'estasi e ad altri lavori pubblicati nel secondo dopoguerra, che lo hanno consacrato come uno degli storici delle religioni più importanti e innovatori del 900.

Clicca qui!

 

 

Poemetti mitologici babilonesi e assiri

Poemetti mitologici babilonesi e assiri Copertina flessibile – 11 set 2013

Filologo di gran fama, instancabile ricercatore nelle biblioteche d'Europa, Giuseppe Furlani ha fatto conoscere al pubblico occidentale le perle di questa sapienza antica. Dolci versi che incarnano la mitologia assira e babilonese. Liriche che attingono al pensiero e alle narrazioni misteriose di una civiltà sofisticata e colta. La bellezza dei versi si accompagna alla straordinaria occasione di conoscere direttamente i documenti di queste culture le cui eco si sentono ancora nella struttura del mito greco antico e nella nostra narrativa.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!