Sumer e dell’Egitto

Le prime guerre storicamente documentate tra forze armate organizzate ha avvenuto intorno all'anno 3000 a 2500 A. C. tra le città-stato sumera in zona a Israele, Siria, Giordania e Irak.

Anche il più grande di questi stati potrebbe sollevare un piccolo esercito solo per brevi campagne di muoversi in una guerra. Mentre gli eserciti seduto giù per la maggior parte da elmata fanti con Lance insieme, accompagnati da nobili guerrieri e arcieri con lenti carrelli su ruote a disco.

Controversie sul territorio o sull'approvvigionamento di acqua erano un motivo principale per i primi conflitti. Umma raccontare una serie di iscrizioni trovati, compresi quelli della cosiddetta stele di avvoltoio, i conflitti tra la città di Lagash ed i loro vicini nel periodo intorno al 2500 AC. Le iscrizioni mostrano come il sovrano di Lagash "Eannatum" nella parte superiore della sua fanteria marciò su. Le iscrizioni raccontano che nonostante un infortunio Eannatums da una freccia di esso emerso con successo dalla battaglia.
Per vedere che la gioia della vittoria sembrava l'immagine di una stele da parte di Lagash era molto grande, ma gli organismi saprofagi tirando fuori i morti adornano l'immagine.

 

 

 

L'impero di Akkad

Secondo una relazione successiva della città di Lagash perseguito questo un conflitto martial distintivo con l'ambiente. Così scoperto rapporti di vasti conflitti fino all'Elam distanti nell'attuale Iran occidentale.

Questi conflitti effettuati fino ad allora ancora sotto l'aspetto dell'approvvigionamento idrico o la Ausfechtung delle controversie, questo cambiato al tempo verso il 2300 a. c. nelle campagne di Sargon di Akkad. Attraverso queste campagne, guerra ha servito per la prima volta per l'Impero e l'incorporazione di altre aree e città. Così che è caduto città Kish situato a nord di Lagash Impero di Akkad alle vittime presto. Avanzata da lì egli sua sfera di influenza sopra le altre città-stato della Mesopotamia nel Golfo Persico da. Ulteriori espansioni seguirono direzione Mediterraneo siriano costa e Anatolia orientale. Le iscrizioni superstite secondo uomo Akkad ha posseduto un esercito permanente di 5400 rotondo e deciso 34 battaglie nel suo Regno di 40 anni.

 

Espansione di Sargon di Akkad

Espansione di Sargon di Akkad

 

 

Dopo la morte di Sargon, suo creato Regno rimase un altro 100 anni e ampliato al suo ultimo sovrano, Sargon al toro nel nord e nel Golfo Persico nel grandson sud Naram-sin. Solo contro 1760 a. c. erano le forze di Akkad sconfitto da babylonischem re Hammurabi e integrare l'impero babilonese.

 

Stele di Sargon di Akkad

Stele di Sargon di Akkad

 

 

 

Regno dei faraoni

Oltre l'espansione babilonese, warfare sviluppato approssimativamente allo stesso tempo anche in Egitto sotto l'aspetto dell'espansione imperiale. Al tempo del Medio Regno egiziano di 2040 al 1785 A. C. ha condotto una campagna del sud dell'Egitto Nubia la sentenza faraoni e costruito una serie di fortezze e opere difensive per affermare il loro territorio poco conquistata e per difendersi da nemici. Al momento del nuovo impero egiziano dal 1750 a. c. sempre continuato lo sforzo di espansione. Gli scrittori del faraone BB´s Thutmose III. , dal 1479 al 1425 prima righello di Cristo dell'Egitto, segnalato 17 campagne che è andato su altre parti della Nubia e Siria l'odierna.

Oggi molte delle campagne egiziane vecchie può essere ricostruite sulla base di rapporti personalizzati. Così possono si traccia ancora campagne contro principati in Palestina intorno al 1460 A. C. , in cui ad esempio da un blitz degli Egizi era la città di Megiddo. Inoltre, le battaglie per il controllo della Siria e il Libano potevano essere rintracciate in base alle Scritture. In questi, il primo trattato di pace chiusa tra l'Egitto e gli Ittiti è accennato, che è stato chiuso nel 1275 A. C. circa.

Nel periodo intorno al 1176 BC, anche la prima battaglia è stata documentata, come gli attaccanti furono respinte dai soldati egiziani su chiatte fluviali nel Delta del Nilo.

 

Carro da guerra egiziano

Carro da guerra egiziano

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

L'antico Egitto. Storia di un impero millenario

L'antico Egitto. Storia di un impero millenario Copertina rigida – 17 apr 2012

La storia dell'antico Egitto e della straordinaria civiltà che fiorì lungo le rive del Nilo potrebbe sembrare soltanto uno spettacolo meraviglioso costellato di eventi eccezionali: la costruzione delle piramidi, la conquista della Nubia, la rivoluzione religiosa istituita da Amenofi IV, il potere e la bellezza di Nefertiti, la vita e la morte di Tutankhamon, la crudeltà di Ramesse, l'invasione di Alessandro Magno e il fatale legame tra Cleopatra e Roma. Ma se i tremila anni della civiltà dei faraoni posseggono tutti gli ingredienti di un romanzo epico - splendide corti, lotte dinastiche, misteriosi omicidi e grandi battaglie, storie di eroismo e di intrighi, di trionfi e sconfitte, con donne al potere e tiranni -, il vero e proprio racconto storico è ancora più sorprendente e di gran lunga più interessante. Gli antichi egizi furono il primo gruppo di persone a condividere cultura, prospettive e identità comuni all'interno di un territorio geografico ben definito, governato da una sola autorità politica; vissero, cioè, secondo quei concetti di appartenenza a una nazione che ancora oggi dominano il pianeta. La storia dell'antico Egitto è dunque, soprattutto, la storia del tentativo di unire un regno molto vario e di difenderlo ossessivamente contro forze ostili interne ed esterne. Toby Wilkinson, grazie alle sue eccellenti doti di narratore e a una conoscenza approfondita dei geroglifici e dell'iconografia del potere, ci restituisce l'antico Egitto in tutta la sua complessità.

Clicca qui!

 

 

Mitologia e dèi dell'Antico Egitto

Mitologia e dèi dell'Antico Egitto Copertina flessibile – 1 gen 2010

La mitologia non è che la giustificazione consacrata delle gesta degli dèi e dei riti che ne conseguono: da qui si dipana un viaggio attraverso la variegata fenomenologia di questo mondo letteralmente intriso di simbolismo. A completamento di ciò, nella seconda parte dell'opera si trova un elenco alfabetico delle divinità egizie che rappresenta quanto di più completo noi oggi conosciamo (con relative lacunosità) sull'immaginario religioso dell'antico Egitto. L'intento è quello di fornire un'idea del vivace mondo mitologico di un popolo che, nonostante venga spesso superficialmente associato ad un tetro àmbito funerario, popolato di sarcofagi e di mummie, viveva invece intensamente le gioie e i piaceri che la vita terrena può offrire.

Clicca qui!

 

 

Archeologia dell'antico Egitto

Archeologia dell'antico Egitto Copertina flessibile – 11 lug 2013

Tutankhamon, le piramidi, la Valle dei re... poche civiltà hanno suscitato e continuano a suscitare un interesse maggiore dell'antico Egitto presso il largo pubblico. Il libro di Kathryn Bard è un volume introduttivo all'archeologia egizia, guida il lettore dal passato preistorico attraverso le dinastie faraoniche fino al periodo greco-romano e fornisce uno sguardo d'insieme sulla cultura dell'antico Egitto, sui suoi monumenti e sulla sua civiltà.

Clicca qui!

 

 

Mesopotamia antica. Archeologia del pensiero creatore di miti nel paese di Sumer e di Accad. Ediz. illustrata

Mesopotamia antica. Archeologia del pensiero creatore di miti nel paese di Sumer e di Accad. Ediz. illustrata Copertina flessibile – 11 dic 2013

L'Archeologia e la Storia dell'Arte del Vicino Oriente antico incontra da subito in Mesopotamia, nel Paese di Sumer e di Accad, la mitogenesi dell'universo, del cosmo, dell'uomo e dell'umanità. Potremmo ritenere questo incontro quasi la poetica conseguenza di una visione dei suoi paesaggi lambiti dal Tigri e dall'Eufrate. Ovvero, più in generale, l'impronta percettiva che di quei paesaggi vicino-orientali (e in particolare mesopotamici) si era radicata nella nostra modernità stratificandosi in mappe, desideri e luoghi comuni che dall'età del Colonialismo avevano attraversato le lenti dell'Illuminismo e del Romanticismo europei. Percezioni che oggi sono quasi disciolte nell'effetto, devastante, che invece hanno prodotto le guerre moderne, e il primeggiare di nuovi imperialismi. Se volessimo, tuttavia, ambientare questi miti primigeni dell'origine, delle origini, potremmo farlo ancora (forse) rifuggendo il presente e fingendoci come nei notturni dialoghi ottocenteschi tra l'infinito e i pastori erranti dell'Asia. Dialoghi metafisici che ci trasportano su temi universali, in paesi lontani, in tempi remoti, e in un tempo che nell'antica Mesopotamia non può che risultare quello delle culture archeologiche di Sumer e di Accad. Per queste culture, in modi sensibilmente diversi, nell'acqua fu l'origine, sulla terra fu l'uomo e l'argilla fu - in primo luogo - la materia della creazione.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!