La Legione romana

Nell'Impero Romano, le singole legioni operavano in modo indipendente con grandi unità, di solito composte da 3. 000 a 6. 000 soldati, cavalieri e assistenti, ed esistevano dal 6/5° secolo a. C. fino all'inizio del 7° secolo.

Con l'introduzione per la prima volta di un esercito professionale, il continuo sviluppo di armi e attrezzature, e un alto grado di formazione e disciplina, le legioni hanno rappresentato un fattore essenziale per l'espansione dell'Impero Romano e la sua conservazione.

 

 

Gli inizi:

Agli albori dell'Impero Romano, il termine legione si riferiva all'intero esercito militare di Roma. Solo attraverso la crescita dell'impero e la formazione di diversi eserciti l'esercito fu diviso in singole legioni, che possono essere paragonate alle divisioni odierne.

Mentre all'inizio le legioni erano principalmente dotate di soldati di leva, questo vi cambiò con la riforma dell'esercito dell'imperatore Augusto intorno al 107 aC, che trasformò l'esercito in un esercito permanente professionale, che era principalmente di stanza ai confini dell'impero.

L'origine della Legione fu segnata dalle falangi greco-oplitiche, la cui arma principale erano le lance, che entrarono in campo in tre millesimi su tre tribuni (tribuni militum). Inoltre, 300 cavalieri (centuriae) erano tra i tre leader della divisione (tribuni celerum). All'inizio le legioni erano composte da 3. 300 uomini, dopo l'unificazione dei Romani Palatini con i Romani Quirinali la legione fu raddoppiata a 6. 600 uomini. A quel tempo c'era una sola legione a Roma, che ha designato l'intero esercito.

Nella Legione, i cittadini del primo contingente servito dall'età di 18 a 46 anni. I gruppi di età più avanzata hanno dovuto occupare le fortificazioni della città a casa. Oltre ai Romani, fin dall'inizio furono dispiegate anche le truppe degli alleati, i cosiddetti alleati latini di Roma (socii).

Dopo l'espansione dell'influenza romana, diverse legioni sono state fondate già nel 4 ° secolo aC.

 

 

Organigramma di una legione

Organigramma di una legione

 

Organigramma degli ausiliari

Organigramma degli ausiliari

 

 

 

Le legioni al tempo della Repubblica Romana fino al 27 a. C.

All'epoca della Repubblica Romana, le legioni esistevano ancora come milizia civile. Così i cittadini di Roma furono chiamati alle armi in caso di guerra, cosa che avvenne molto spesso. Ogni cinque anni i censori dividono i cittadini in cinque classi in base al loro patrimonio, che determina anche il tipo di arma a cui i rispettivi cittadini sono assegnati. Poiché ogni cittadino doveva pagare per la propria attrezzatura, le specie privilegiate erano accessibili solo a coloro che avevano i soldi necessari per permettersela. Così ricchi cittadini sono stati posti nella cavalleria e chiamati equiti, i meno ricchi sono venuti alla fanteria ed erano anche divisi in tre classi, per cui i più poveri sono venuti alla fanteria luce.
I cittadini più poveri, i capite censi (latini: quelli contati dal capo, non avendo altri possedimenti da contare) non dovevano servire.

Dopo la riforma dell'esercito da parte dell'imperatore Augusto, le legioni erano sempre più costituite da soldati volontari professionisti. In questo momento, l'intero esercito romano comprendeva circa 25 legioni, che, tuttavia, erano di solito molto al di sotto del loro obiettivo di forza di 6. 600 uomini a causa della guerra civile.

Oltre alle legioni, che consistevano principalmente di cittadini romani, le cosiddette truppe ausiliarie sono stati spesso dispiegati, che corrispondeva in numero ad una legione. Questi sono stati utilizzati come rinforzi delle truppe piedi o unità speciali, per cui questi spesso superato la fanteria romana e la cavalleria di qualità e anche li ha sostituiti nel corso del tempo. Ad esempio, sono stati utilizzati gli arcieri di Creta, le imbragature delle isole Baleari o la cavalleria di origine gallica e germanica.

Il compito della cavalleria propria della legione fu così suddiviso principalmente tra servizi di ricognizione, di corriere e di reportistica.
Di norma, gli schiavi servivano come sposi e autisti. Il numero di dipendenti di cavallo è stato stimato a 700 per legione, il numero di conducenti a 300. Una legione aveva a disposizione circa 1. 200 animali da soma.

 

 

 

La riforma dell'esercito di Marius 104 a. C.

A causa delle crescenti sconfitte contro i Cimbri, Teutoni e Ambroni, una riforma dell'esercito era diventata inevitabile. Sebbene dalle ultime guerre siano scaturite numerose modifiche delle esperienze raccolte, la riforma di Gaio Mario del 104 a. C. cambiò in modo decisivo la struttura, l'equipaggiamento e il futuro delle legioni romane, sia in senso positivo che in senso negativo.

Tra l'altro, Marius ha abbassato il reddito minimo (censimento) per i neoassunti, che è stato poi completamente abolito. In cambio, i soldati non dovevano più pagare per le proprie attrezzature, in modo che anche i cittadini più poveri potessero unirsi all'esercito e l'intero esercito potesse gradualmente essere equipaggiato in modo uniforme.

L'aquila legione è stato introdotto anche per aumentare la motivazione della truppa.

Dal momento che i soldati hanno dovuto portare i loro bagagli da ora in poi, si veda il rapporto sul legionario romano "Clicca qui!" la velocità di marcia poteva essere drasticamente aumentata, dato che ora non si doveva più prendere in considerazione la lentezza delle vie di accompagnamento. In questo modo gli animali da soma per legione sono stati ridotti a circa 540 animali.

Un cambiamento decisivo è stata l'omissione della classificazione dei tipi di armi nella rispettiva classe di attività del cittadino. D'ora in poi, invece, l'anzianità fu decisiva, in modo che i soldati più esperti potessero guidare le truppe.
Una nuova aggiunta è stata che dopo 16 anni di servizio, lo Stato ha assunto le pensioni dei soldati. Dopo aver lasciato l'esercito, gli fu concesso un terreno sul quale potersi insediare. Perché le rivendicazioni dei veterani sono state politicamente applicate dal rispettivo comandante dell'esercito, un rapporto molto stretto di dipendenza dal rispettivo comandante dell'esercito, il cosiddetto Heeresclientel, sviluppato. Così, la fedeltà dei soldati al loro comandante è venuto a fuoco più della loro fedeltà allo Stato, che in seguito si è sviluppato molto a scapito nelle guerre civili e si tradurrà in una parte della disintegrazione dell'Impero Romano d'Occidente.

Da un punto di vista organizzativo, Marius adattò anche la struttura delle legioni.
Così una legione esisteva successivamente come segue:
- 1 legione di 10 coorti = 3600-6000 uomini
- 1 coorte di 3 manipolazioni = 360-600 uomini
- 1 manipolo da 2 secoli = 120-200 uomini;
- 1 centurione con 80 uomini
- Ogni legione è stato assegnato anche 300 piloti (equidi).

Il comando ha portato un lascito, spesso determinato per motivi politici, a cui sei (per lo più molto giovane) tribunali militari sono stati assegnati come ufficiali di stato maggiore della Legione.

 

 

Legione posizioni a 190

Legione posizioni a 190

 

 

La Legione della prima e dell'alta età imperiale fino al 284 d. C.

La struttura e la struttura delle legioni non cambiarono molto nel corso del primo e dell'alto periodo imperiale.
L'attenzione si è concentrata sulla formazione e lo stazionamento delle truppe ausiliarie, che sono state classificate in base alle loro attrezzature speciali, ad esempio arcieri o la loro origine.
Durante questo periodo, le legioni romane avevano soprattutto compiti amministrativi, di sicurezza delle frontiere e di sviluppo delle infrastrutture.

 

 

Legionari romani intorno al 70 d. C.

Legionari romani intorno al 70 d. C.

 

Milite ausiliario intorno al 175 d. C.

Milite ausiliario intorno al 175 d. C.

 

 

 

 

La legione nella tarda antichità fino al 602 d. C.

L'inizio della tarda antichità fu segnato da pesanti sconfitte contro i Goti e i Sassanidi tra il 244 e il 260. Inoltre, la guerra civile continuò a imperversare all'interno dell'impero, con il risultato che morirono innumerevoli legionari, intere legioni furono distrutte e non potevano più essere ricostituite.

Per questo motivo, l'esercito fu riformato dall'imperatore Gallio intorno al 260. Il comando delle legioni fu ritirato dai senatori e i soldati professionisti furono trasferiti, anche la proporzione di cavalleria fu aumentata e le unità tattiche di fanteria ridotte.
Grazie a questa ristrutturazione e all'adattamento alle nuove avversità, le legioni furono in grado di riconquistare importanti battaglie per decenni, spingendo i Goti, i Franchi e gli Alamanni e reintegrando con successo parti dell'impero che erano state rinnegate. Allo stesso modo, nel 282, le legioni riuscirono persino a saccheggiare la capitale Sassanide, Ktesifhon.

La riforma dell'esercito di Diocleziano nel periodo 284 - 305 portò ad ulteriori cambiamenti decisivi: il numero di legioni fu aumentato a circa 60, e in cambio la forza di tiro fu ridotta a 1. 000 soldati. Anche l'equipaggiamento dei soldati è cambiato radicalmente. Il pilone fu sostituito da una hasta, il gladio fu sostituito dalla spatha, la fibbia corazzata scomparve, e lo scudo rettangolare fu sostituito dallo scudo rotondo, che era ampiamente utilizzato dalle truppe ausiliarie.
Dopo la sconfitta di Adrianopel nel 378, l'armatura pesante fu sostituita da una maglia più leggera per aumentare la mobilità dell'esercito.
Inoltre, il numero di ricchi mercenari stranieri (foederati) che hanno combattuto sotto i propri leader nell'esercito romano è cresciuto.

 

 

Legionario romano verso la fine del III secolo

Legionario romano verso la fine del III secolo

 

 

L'esercito imperiale è stato infine diviso intorno all'anno 320 in
- Esercito di frontiera (Limitanei)
- Esercito marciante (Comitatenses)
- Truppe di guardia (Palatini)

Il ruolo strategico della cavalleria aumentò costantemente nel tempo, il che fu particolarmente evidente nella lotta contro i Sassanidi persiani con i loro cavalieri. In cambio, la fanteria perse sempre più importanza, ma non scomparve mai dal campo di battaglia.

Dopo la battaglia di Adrianopel nel 378, l'esercito romano d'Oriente difficilmente poté essere resuscitato, ma nell'Impero Romano d'Occidente diverse legioni furono completamente distrutte nella battaglia di Musra nel 351 e nella battaglia di Frigidus nel 394.
A causa della disintegrazione dell'Impero Romano d'Occidente alla fine del 5 ° secolo, le legioni romane occidentali gradualmente sciolto, a condizione che non era stato distrutto prima. Nell'Impero Romano d'Oriente, tuttavia, le legioni continuarono ad esistere e furono sciolte nelle battaglie con i Sassanidi e gli Arabi solo tra la fine del VI e l'inizio del VII secolo. Tra le ultime legioni c'è ad esempio il legio IV Parthica che è ancora menzionato sotto l'imperatore Maurizio (582-602).

 

 

Prima Cavalleria Romana

Prima Cavalleria Romana

 

Ufficiali romani

Ufficiali romani

 

Romano Parlanti

Romano Parlanti

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

I legionari di Roma in età repubblicana 298-105 a. C.

I legionari di Roma in età repubblicana 298-105 a. C. Copertina flessibile – 1 gen 2013

Dall'ultima, grande guerra contro i Sanniti (298-290 a.C.) all'apice della gloria della Repubblica nel I secolo a.C., la potenza di Roma si espresse attraverso le sue legioni. Furono gli uomini che vi combattevano a conquistare la penisola italica, a sconfiggere i magnifici regni ellenistici e a distruggere l'impero commerciale di Cartagine. Alla fine, tutto il bacino del Mediterraneo si trovò sotto il dominio di Roma, tra province governate da magistrati romani e Stati clienti. Questo libro prende in esame la formazione, l'addestramento e lo sviluppo degli uomini che costruirono quel grande impero: i legionari della Roma repubblicana.

Clicca qui!

 

 

Le tattiche di battaglia di Roma. 109 a.C.-313 d.C.

Le tattiche di battaglia di Roma. 109 a.C.-313 d.C. Copertina flessibile – 31 mag 2018

Esattamente mentre la Repubblica entrava in crisi dal punto di vista istituzionale, l'apparato bellico di Roma dispiegava una forza irresistibile per efficacia e tecniche. Il libro, sviluppando cronologicamente lo studio di Nic Fields sul periodo precedente già pubblicato da LEG edizioni, esamina e illustra le tattiche impiegate dalle legioni a partire dal primo secolo avanti Cristo, considerando anzitutto le testimonianze degli storici coevi. L'esercito romano fu la maggior macchina da guerra del mondo occidentale per almeno quattro secoli, divenendo il pilastro della tradizione militare, con dottrine imprescindibili per chi vuole comprendere la storia militare di Roma e del mondo. Piani di battaglia, scenari tattici e illustrazioni supportano l'autore nella ricostruzione attenta di questa formidabile compagine, restituendone un quadro ricco d'informazioni e interpretazioni tattico-strategiche.

Clicca qui!

 

 

Tattiche di battaglia di Roma 390-110 a.C.

Tattiche di battaglia di Roma 390-110 a.C. Copertina flessibile – 29 mar 2018

Al tempo di Brenno e del sacco di Roma ad opera dei galli l'esercito romano era poco più che un insieme piuttosto raffazzonato e provvisorio, organizzato per saccheggiare o difendersi dalle incursioni di nemici organizzati in modo assai simile. Nel tempo però i romani svilupparono le loro forze sul modello della falange greca, affinandone le tattiche. La legione manipolare fu una vitale innovazione che elevò Roma al di sopra dei nemici, grazie alle possibilità offerte da una formazione unica per flessibilità e versatilità. Con forza di volontà e resilienza, l'organizzazione tattica e sociale dei romani li condusse prima a misurarsi vittoriosamente contro l'Impero cartaginese, e poi con le forze ellenistiche dei sovrani del Mediterraneo orientale. Piani di battaglia illustrati, immagini a colori delle formazioni e degli scenari tattici completano la ricchezza del testo e consentono al lettore di seguire l'eccezionale sviluppo dell'apparato bellico che condusse Roma al dominio dell'intero Mediterraneo.

Clicca qui!

 

 

I primi guerrieri romani 753-321 a. C.

I primi guerrieri romani 753-321 a. C. Copertina flessibile – 1 gen 2013

Il prototipo del legionario romano, come spesso viene presentato nelle diverse forme della moderna iconografia, è in realtà il risultato di un'evoluzione militare millenaria. Agli inizi dell'Età del ferro, prima che sorgesse Roma, una manciata di borghi poteva dare vita a un villaggio, base dalla quale i guerrieri romani dell'età arcaica lanciavano gli assalti contro i loro vicini. Con la crescita dell'Urbe, aumentarono e si espansero anche gli sforzi militari di questi uomini, che adottarono i classici metodi bellici dei greci e crearono la leva cittadina. Il libro esamina la cultura e i sistemi di combattimento di questi antichi guerrieri, tracciando le fasi dello sviluppo di una forza che avrebbe conquistato il mondo.

Clicca qui!

 

 

I legionari della Roma imperiale 161-284 d. C.

I legionari della Roma imperiale 161-284 d. C. Copertina flessibile – 15 ago 2014

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!
Loading cart ...