L’ascesa dell’Impero Bizantino

Mentre l'Impero Romano d'Occidente era già crollato, l'Impero Romano d'Oriente durò per secoli. Parte di questo residuo impero era l'impero bizantino che, pur spostandosi geograficamente verso l'Asia, gli abitanti si consideravano sempre romani e mantenevano le vecchie strutture legionarie anche dopo la caduta dell'impero romano. Così è il principio della disciplina romana, l'ordine e la logistica.

Nel VI secolo, l'allora imperatore Giustiniano I perseguì anche l'obiettivo di realizzare il rinnovamento dell'impero. Che queste non fossero solo parole vuote, l'imperatore doveva principalmente al suo generale Belisar.
Gli fu dato il comando supremo nella guerra iberica nel 528, che ruotava intorno al conflitto tra l'impero bizantino e l'impero persiano sassanide sopra il piccolo impero caucasico di Iberia, che era stato fumante per anni e si è conclusa in guerra. Nel 530 Belisar vinse a Dara, un anno dopo, dopo una situazione di stallo a Callinicum, i due imperi si accordarono per la pace.

Rafforzato dalla sua campagna contro l'Impero Sassanide, l'imperatore Giustiniano I continuò a perseguire il suo obiettivo di resuscitare l'Impero Romano d'Occidente. Il suo obiettivo successivo questa volta è stato quello di conquistare l'Impero Vandal in Nord Africa. Anche per questa campagna il suo comandante Belisar ricevette il comando supremo, che navigò con una piccola flotta di 10. 000 fanti e circa 5. 000 cavalieri verso il Nord Africa nel 533.
Fu una rapida vittoria, prima cadde Ad Decimum, poi Cartagine cadde in mano bizantina e fu incorporata nell'impero.

Spinto dalle vittorie militari in Medio Oriente e in Africa, l'imperatore Giustiniano I si affidò al suo comandante di successo Belisar per riconquistare la terraferma italiana. Questo marciò nell'anno 535 in Italia, che a quel tempo era saldamente in mani gotiche orientali. Già nel 536 la città di Roma fu conquistata e protetta, ma le campagne nel resto del paese si rivelarono molto più difficili di quanto si pensasse inizialmente. Sebbene la città di Ravenna, base degli Ostrogoti, potesse ancora essere conquistata nel 540 e dichiarata capitale del ristabilimento dell'Impero d'Occidente, questo successo poté durare solo pochi anni.
Così, a partire dal 568, gli eserciti bizantini divennero sempre più difensivi quando i Longobardi germanici invasero l'Italia da nord, il conflitto con l'Impero persiano riaccese nel 572, e dal 577 in poi gli Slavi e gli Avari da nord e da est si spinsero sempre più nel territorio dei Balcani.

 

 

Mappa storica dell'Impero Bizantino dal VI al IX secolo

Mappa storica dell'Impero Bizantino dal VI al IX secolo

 

 

In particolare il conflitto con l'impero persiano ha messo a dura prova l'esercito bizantino. All'inizio del riemergere del conflitto, i persiani con i loro catafragi affliggevano gravemente i bizantini. La fanteria bizantina non poteva offrire nulla di paragonabile a questa cavalleria fortemente blindata con le sue lance, tanto che dopo il primo shock i bizantini dovettero creare essi stessi tali unità e questo portò ad un'estenuante situazione di stallo con l'impero persiano, di cui gli arabi si servirono più tardi, quando ebbero facile gioco contro gli eserciti fortemente indeboliti.

 

 

Catafrati persiani

Catafrati persiani

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Storia dell'impero bizantino

Storia dell'impero bizantino Copertina flessibile – 19 set 2014

La ricostruzione di Ostrogorsky prende avvio con il trasferimento del centro politico dell'impero romano nell'Oriente ellenistico, per concludersi con la presa di Costantinopoli da parte di Maometto II. L'originale fisionomia dell'impero bizantino nasce dall'incontro della struttura statale romana con la cultura greca e la religione cristiana. Sono le tre grandi linee di cui tiene conto l'autore nel delineare un'avventurosa vicenda di lotte armate, di dispute religiose e teologiche e una fioritura artistica che fece di Bisanzio, per alcuni secoli, il più importante centro di cultura e di studi.

Clicca qui!

 

 

Storia di Bisanzio

Storia di Bisanzio Copertina flessibile – 12 feb 2009

Per molto tempo la storia dell'Impero bizantino (285-1453) ha coinciso con la narrazione della sua decadenza. Eppure, quella bizantina è stata una civiltà ricca e affascinante, una cerniera essenziale tra mondo antico e moderno, e tra occidente europeo e oriente. In anni recenti l'interesse per Bisanzio è stabilmente cresciuto, come dimostra la pubblicazione di diverse opere sull'argomento a cui si aggiunge questo volume, una sintesi aggiornata e vivace sulla politica, la società, la cultura dell'impero bizantino. In un'esposizione densa di fatti (dalle guerre alle epidemie, dal succedersi degli imperatori allo sviluppo urbano e demografico), Treadgold riesce a tratteggiare l'intero corso della storia bizantina e mette in luce quanto Bisanzio abbia contato nel dar forma al mondo moderno, trasmettendo la cultura classica, allargando a est i confini della cristianità e assicurando per un millennio un certo grado di stabilità all'area del Mediterraneo orientale.

Clicca qui!

 

 

La grande strategia dell'impero bizantino

La grande strategia dell'impero bizantino Copertina flessibile – 16 nov 2011

Quello di Costantinopoli è stato un caso unico nella storia: mille anni di dominio incontrastato su un impero vastissimo e multietnico. Dal IV secolo fino alla caduta, avvenuta nel 1453 per mano di Maometto II, l'Impero romano d'Oriente è sopravvissuto al gemello d'Occidente, ha retto l'onda d'urto degli Unni, degli Slavi, degli Arabi e degli altri che nei secoli hanno cercato di sfondare il limes. Eppure la forza militare, la posizione e le risorse non erano neppure lontanamente paragonabili a quelle di Roma. Come è stato possibile? Bisanzio elaborò una strategia politica e militare efficacissima, basata su un uso estremamente moderno di quella che oggi chiameremmo "intelligence". La diplomazia dell'Impero romano d'Oriente seppe imbrigliare le forze nemiche raccogliendo dettagliati dossier e riuscendo a ottenere vantaggiose concessioni a tutti i tavoli di trattativa. Sul fronte militare, cercò di conservare la pace il più a lungo possibile: mantenne alta la tensione agendo come se la guerra fosse sempre imminente, ma scese in battaglia solo quando aveva buone possibilità di vittoria. Nella politica interna, privilegiò l'integrazione e l'assorbimento per sfruttare il patrimonio di culture, tecnologie e conoscenze che ogni popolo assoggettato portava in dote. Questo libro è il frutto di quasi trent'anni di ricerche di Edward Luttwak.

Clicca qui!

 

 

La civiltà bizantina

La civiltà bizantina Copertina flessibile – 20 nov 2014

Economia e società, educazione e mentalità, letteratura e architettura, arte e ideali di vita: questi i grandi temi scelti da Cyril Mango per presentare la civiltà bizantina (324-1453 d.C). "Mi interessava prestare attenzione a ciò che i bizantini pensavano - pensavano a proposito di se stessi e degli altri, del passato e del futuro, di come si debba vivere la vita". Come in un trittico, tre 'tavole' guidano il lettore. Nella prima Cyril Mango delinea i principali aspetti della vita dei bizantini: popoli e lingue, società ed economia, scomparsa e rinascita delle città, i dissenzienti, il monachesimo, l'istruzione. Nella seconda, descrive il corpus di credenze comuni al bizantino 'medio': il suo rapporto con le potenze del bene e del male, il suo posto nella natura, nella storia, il suo atteggiamento nei confronti degli altri popoli, il suo ideale di umanità. Nell'ultima, illustra i lasciti maggiori di Bisanzio: la letteratura, l'arte e l'architettura.

Clicca qui!

 

 

Imperatori di Bisanzio

Imperatori di Bisanzio Copertina flessibile – 9 feb 2017

La storia dell'Impero di Bisanzio fu in buona parte la storia di Costantinopoli e della sua corte. Per più di mille anni, fra il IV e il XV secolo, i sovrani della Roma d'Oriente furono l'incarnazione di un'autorità assoluta che si riteneva voluta da Dio e superiore a ogni altra. Alla figura dell'imperatore bizantino si legò così con una sfarzosa ritualità che coinvolgeva in primis l'imperatrice e poi tutta la corte, e che esprimeva in forma visiva l'omaggio dovuto a chi era ritenuto contemporaneamente l'erede dei cesari romani e il sovrano del mondo cristiano. Ma com'era veramente la vita di un imperatore bizantino? Il volume ci mette in contatto con la complessa scenografia del cerimoniale (gerarchie, uniformi, feste, titoli) di cui vengono accuratamente ricostruiti i significati, connessi in particolare con la concezione del potere e i sistemi di successione.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!