La caduta dell’Impero Romano d’Occidente

Il periodo dal 27 a. C. al 180 è spesso indicato come Pax Romana (Pace Romana). Durante questo periodo, l'Impero Romano non aveva quasi nessun progetto di espansione e aveva solo a che fare con alcune precipitazioni di rivolte interne o la sicurezza dei suoi confini.

Ma già in questo periodo Roma, soprattutto la legione romana, si mostrava ai suoi limiti. Nella famosa battaglia di Varsavia (conosciuta anche come la battaglia della foresta di Teutoburgo) non meno di tre legioni furono distrutte dalle truppe di Arminio. Anche se la vendetta di Roma arrivò poco dopo attraverso spedizioni punitive, la sottomissione delle tribù germaniche non ebbe mai successo come quella dei Galli, per esempio.

 

 

Battaglia di Varsavia (Battaglia della Foresta di Teutoburgo)

Battaglia di Varsavia (Battaglia della Foresta di Teutoburgo)

 

 

Anche in Gran Bretagna le legioni hanno raggiunto i limiti del possibile. Anche se Rom conquistò il sud dell'Inghilterra con un colpo di stato a sorpresa, la resistenza nella provincia del Galles poté essere definitivamente spezzata solo dopo 16 lunghi anni. L'espansione a nord si è rivelata meno difficile, le tribù scozzesi della Legione hanno fornito una resistenza in perdita. Così, nel 122, Roma non ebbe altra scelta se non quella di fissare il suo confine settentrionale con la costruzione di un muro, il Muro di Adriano. In seguito fu sostituito dal muro di Antoninus nell'anno 142, ma poteva essere conservato solo per 20 anni.

 

 

Il Muro di Adriano e il successivo Muro Antonino

Il Muro di Adriano e il successivo Muro Antonino

 

I resti di oggi del Muro di Adriano in Inghilterra

I resti di oggi del Muro di Adriano in Inghilterra

 

 

Un'ulteriore prova della lenta disintegrazione dell'impero sono state le rivolte in corso nelle singole province.
Nel 66, ad esempio, la Giudea, la cui rivolta nel 70 d. C. da parte dei Romani conquistò la città di Gerusalemme e distrusse il suo tempio. Anche se la Giudea ha tenuto la fortezza Masada per altri tre anni, sono stati presto in grado di opporsi all'assalto romano, in modo che sono fuggiti cattura con un suicidio di massa.

Attraverso ulteriori conflitti tra il sovrano romano Traiano e i Parti sul territorio di Israele di oggi, la più grande espansione dell'Impero Romano potrebbe essere stabilito fino all'anno 117. Ma i confini in Medio Oriente non ti hanno permesso di rimanere, così poco tempo dopo le legioni hanno cominciato a tornare a posizioni più difendibili. La successiva pressione da parte dei Parti a est e delle tribù germaniche a nord-est non poteva più essere molto contrastata da Roma.

 

 

Impero Romano 117 d. C.

Impero Romano 117 d. C.

 

 

 

Il tardo impero

L'ultima fase dell'Impero Romano d'Occidente fu dominata dalle tribù germaniche. Sia come truppe ausiliarie della legione romana o come nemici, la lealtà delle tribù spesso svanì e i nemici divennero alleati o viceversa.

Ma non solo le tribù germaniche emergenti furono responsabili della caduta, ma anche la debole leadership politica, la mancanza di risorse e le legioni indebolite non riuscirono più a tenere unito l'impero.
Alla fine del III secolo le legioni non erano più puramente romane, a causa dell'uso dei legionari delle province sottomesse dei secoli scorsi, le legioni erano composte con le origini etniche più diverse. Inoltre, la scarsità di risorse si è fatta sentire nella qualità delle attrezzature, così come la mancanza di soldati volontari.

La battaglia di Frigidus del 394 è un esempio del fallimento del sistema romano e della disgregazione dell'impero. Così l'esercito romano d'Oriente sotto l'imperatore Teodosio era sotto il generale Stilicone, che combatté contro l'Arbogato Francone con i suoi usurpatori. Alle truppe di Stilicone apparteneva un folto contingente di Visigoti sotto il capo Alarich, che saccheggiarono la zona dopo la vittoria. Gli ex alleati divennero rapidamente nemici, cosa che all'epoca non era più un incidente isolato. Nel 410, dopo la morte di Stilicone, i Visigoti saccheggiarono Roma. Dopo 800 anni, la città cadde per la prima volta in mano al nemico. Ma solo pochi anni dopo, Roma chiese aiuto a questi Visigoti per affrontare un altro nemico germanico, i Vandali.

Un'ulteriore prova della decadenza furono i saccheggi del condottiero unno Attila, che vagò per un decennio per l'Impero Romano d'Occidente e con le sue incursioni seminò paura e terrore. Anche se questi si conclusero con la morte naturale di Attila nel 453, la disintegrazione dell'Impero Romano d'Occidente era già in pieno svolgimento a quel tempo e non poteva più essere fermato.

 

 

Attila il re unno

Attila il re unno

 

 

 

Dopo il decadimento

La caduta dell'Impero Romano d'Occidente è di solito datata 476, quando il comandante germanico Odoaker deposto l'imperatore romano Augusto, ma ha riconosciuto l'imperatore dell'Impero Romano d'Oriente Zenone a Costantinopoli.
Dopo la deposizione di Augusto, nuovi regni germanici emersero. Così i Franchi fondarono un impero in Gallia sotto Clodoveo, i Visigoti governarono in Spagna da allora in poi e nel 493, dopo la sconfitta contro i Visigoti, Odoakar governò in Italia solo come governatore dell'Impero Romano d'Oriente.

 

 

L'Europa dopo il crollo dell'Impero Romano d'Occidente

L'Europa dopo il crollo dell'Impero Romano d'Occidente

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Storia romana. Editio maior

Storia romana. Editio maior Copertina flessibile – 31 mag 2017

Il volume costituisce la versione non solo maggiorata, ma in molte parti ripensata e riorganizzata, del fortunato manuale di Storia romana giunto ormai alla sua Quarta Edizione. Il libro ripercorre la storia romana dalle prime attestazioni dei più antichi popoli italici alla caduta dell'Impero romano d'Occidente, senza rinunciare a seguire le prime fasi dei regni romano-barbarici e dell'Impero bizantino. La storia politica di Roma viene delineata seguendo la lunga parabola di una città che, dalle lotte per mantenere la propria indipendenza e affermare la sua egemonia nel Lazio, è arrivata a dominare il Mediterraneo e l'Europa e a lasciare un'impronta indelebile nella storia. Ogni capitolo è stato dotato di un'introduzione sulle principali fonti antiche che consentono la ricostruzione degli eventi trattati. In appendice al volume si troverà una bibliografia essenziale per chi desiderasse approfondire i temi affrontati e un'aggiornata rassegna di alcuni dei siti Internet di maggiore interesse per lo studio del mondo romano. Quadri cronologici, schemi, stemmi familiari e un ampio apparato cartografico, ulteriormente arricchito, aiutano il lettore a seguire la narrazione storica. Al manuale è affiancato un volume di Fonti per la Storia romana, opera del medesimo gruppo di autori, rivolto a quanti desiderino un contatto più diretto con testi e documenti significativi per ripensare la storia del mondo romano nella sua lunga evoluzione.

Clicca qui!

 

 

L'impero romano in 200 mappe. Costruzione, apogeo e fine di un impero III secolo a.C. - VI secolo d.C.

L'impero romano in 200 mappe. Costruzione, apogeo e fine di un impero III secolo a.C. - VI secolo d.C. Copertina flessibile – 15 mar 2018

Otre 200 mappe e grafici originali a colori accompagnano la storia dell'Impero romano, che il libro esamina a partire dalle guerre puniche, per giungere fino all'età di Giustiniano. Le mappe e l'andamento cronologico sono accompagnati da un denso contributo storiografico, che propone gli studi e le questioni più recenti, bene evidenziando i temi fondamentali della storia romana e proponendone anche alcuni inaspettati. La costruzione dell'impero, le politiche amministrative e territoriali dei Romani, la gestione di una realtà così ampia e complessa vengono svelate mappa dopo mappa, in un libro capace di orientare saldamente studenti, appassionati e curiosi della storia romana.

Clicca qui!

 

 

La caduta dell'impero romano. Una nuova storia

La caduta dell'impero romano. Una nuova storia Copertina flessibile – 7 feb 2008

La caduta dell'impero romano è da sempre uno dei più affascinanti enigmi della storia. Roma disponeva di una formidabile forza militare ed economica, su un territorio immenso, che si estendeva dal Vallo di Adriano ai confini con la Scozia fino all'Eufrate, dall'Africa settentrionale al Reno e al Danubio. Era una macchina perfetta e collaudata, con una rete capillare di strade e di fortezze, ricche città e una organizzazione amministrativa per certi versi insuperata. Tra la battaglia di Adrianopoli nel 378 d.C. e la deposizione dell'ultimo imperatore Romolo Augustolo nel 476 d.C., la superpotenza più longeva della storia venne sconfitta e occupata da bande di invasori "primitivi", distrutta da barbari ritenuti quasi incapaci di organizzazione e di pensiero razionale. Come è potuto accadere? Le ricostruzioni più diffuse hanno dipinto una civiltà decadente e corrotta, troppo "civilizzata" e magari indebolita dal cristianesimo. Ma a giocare un ruolo determinante furono anche semplici dettagli, come gli archi degli unni, più lunghi e potenti di quelli dei nemici, e il carico fiscale imposto dalla capitale alle province. Con una narrazione ricca di episodi e personaggi memorabili, Peter Heather confuta i luoghi comuni, mettendo a frutto le sue competenze economico-militari e le sue approfondite conoscenze sui barbari, ricostruendo in maniera brillante e persuasiva gli scontri e le battaglie, ma anche i tentativi di integrazione alle frontiere dell'impero.

Clicca qui!

 

 

L'impero romano in 100 date

L'impero romano in 100 date Copertina flessibile – 7 lug 2016

Cento date per ripercorrere le tappe fondamentali del più grande impero dell'antichità, che riunì sotto di sé popoli di ogni razza e religione e diffuse la sua civiltà fino ai confini del mondo allora conosciuto. Fabio Guidetti, archeologo e storico antico, racconta in cento memorabili date la storia dell'impero romano, dalla sua strepitosa ascesa fino all'inesorabile declino: dalla vittoria di Augusto nella guerra civile fino all'invasione dell'Italia da parte dei Longobardi. Il libro è una sintesi indispensabile per orientarsi tra i protagonisti, le battaglie, le vicende politiche, le grandi riforme, la vita culturale di Roma imperiale, che ancora oggi continua ad affascinare popoli e nazioni. Prefazione di Arnaldo Marcone.

Clicca qui!

 

 

Guida alla storia romana

Guida alla storia romana Copertina flessibile – 21 feb 2017

Pubblicata per la prima volta nel 1977, la Guida alla storia romana di Guido Clemente ha formato generazioni di studenti e studiosi di antichità, ma soprattutto ha conquistato, con il suo stile narrativo fluido e scorrevole, tantissimi lettori "profani" appassionandoli alla materia. In questa nuova edizione completamente rivista l'autore affronta da diverse angolature l'evoluzione della società romana, tenendo conto dei più recenti indirizzi storiografici e affrontando in primo luogo la questione della documentazione disponibile. Molto spazio è dato agli elementi non "classici" che hanno contribuito alla formazione della civiltà latina, dalla componente italica arcaica a quella orientale, fino al variegato mondo delle province. L'intera civiltà romana, gli eventi, le strutture sociali ci appaiono così come un mondo composito, multiforme, non più monolitico, capace di offrire ancora oggi molte suggestioni per la riflessione politica e per la formazione culturale senza farci tuttavia cadere nell'abusato mito della presunta "perennità" del mondo e dei valori classici.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!
Loading cart ...