La caduta dei crociati in Medio Oriente

Con la conquista di Gerusalemme nel 1099 e la fondazione di molti piccoli stati come il Principato di Antiochia, la Contea di Edessa o il Regno di Gerusalemme, i crociati cristiani erano all'apice del loro potere in Medio Oriente tra la fine del 11 ° e l'inizio del 12 ° secolo.

Ben presto divenne chiaro, tuttavia, che l'Ordine dei Cavalieri Templari, fondato appositamente per proteggere i territori conquistati, non sarebbe stato in grado di resistere a lungo al crescente attacco degli attacchi islamici. Quando nel 1144 la contea di Edessa fu sconfitta e persa dai Selgiuchi, la seconda crociata finì nel caos e nel 1187 la città di Gerusalemme cadde in mani nemiche, fu dichiarata la terza crociata.

Questo fu equipaggiato dalle truppe dei governanti europei Riccardo I. Cuor di Leone d'Inghilterra, Filippo II. di Francia così come l'imperatore tedesco Federico I. Barbarossa. Nel 1189, l'imperatore tedesco Federico partì per il Medio Oriente mesi prima che le truppe degli altri due governanti. Durante il viaggio il sovrano annegò nel fiume Saleph, dopodiché l'esercito tedesco si sciolse in gran parte. Suo figlio e successore, il duca Federico V di Svevia, si trasferì poi con solo una piccola parte dell'ex esercito nella città di Acri, assediata dal re Guido di Gerusalemme. Questa città portuale era importante nella pianificazione militare in quanto una riconquista di Gerusalemme avrebbe richiesto il rifornimento via mare per la città portuale di Acri, in quanto non sarebbe stato possibile mantenere la città senza rifornimenti a lungo. Nel 1191 arrivarono anche le truppe di Riccardo I e Filippo II, dopo di che la città fu conquistata.

Tuttavia, le difficili circostanze della crociata si sono ulteriormente deteriorate quando il sovrano austriaco Leopold non è riuscito a raggiungere un accordo con Riccardo I su come procedere e ha fatto ritorno in Austria. Anche Filippo II dovette lasciare la crociata dopo aver ricevuto notizie di disordini in Francia.
Così Richard I. era solo nella lotta contro i Selgiuchi. Nell'agosto del 1191 guidò il suo maestro da Acri, da sud, a rifornirsi. Il suo esercito riuscì a tenere le truppe nemiche in marcia a distanza per un po', una battaglia più grande si svolse solo il 7 settembre 1191, per cui Richard non poteva prendere un vantaggio più grande, ma non poteva che rafforzare la sua reputazione in tal modo. Tuttavia, Richard non poté più mettere in pratica il suo piano di riconquista di Gerusalemme, poiché anch'egli fu richiamato nella sua nativa Inghilterra per occuparsi degli affari interni. Questo segnò la fine della terza crociata senza alcun guadagno notevole.

 

Terza Crociata

Terza Crociata

 

La quarta crociata è stata realizzata principalmente a fini di lucro. Il doge veneziano Enrico Dandolo, ad esempio, si è guadagnato un naso d'oro nel trasporto e nella logistica della crociata via mare e del sovrano di Genova. Ma finì rapidamente e crudelmente quando le truppe furono dirottate a Costantinopoli e saccheggiate per tre giorni, uccidendo migliaia di persone e bruciando molte cose.

 

I Crociati conquistano Costantinopoli. Illuminazione libri da Parigi, 1499

I Crociati conquistano Costantinopoli. Illuminazione libri da Parigi, 1499

 

Nella quinta crociata, dichiarata nel 1217, si tenta una tattica diversa: questa volta le truppe attraverseranno il territorio delle Aiguubidi nell'attuale Egitto e attaccheranno così il territorio islamico da sud-ovest. Tuttavia, la campagna si bloccò in Egitto nel 1221 e le truppe vi furono schiacciate senza nemmeno aver raggiunto la Terra Santa.

La sesta crociata fu guidata dall'imperatore tedesco Federico II. Si affidò alla diplomazia invece che alla spada e negoziò il ritorno di Gerusalemme senza spargimento di sangue. Tuttavia, questo commercio ha indignato i righelli europei e la città è stato perso ai Seljuks alcuni anni più tardi.

La settima crociata sotto il re Ludwig IX cercò di far avanzare la tattica dall'Egitto alla Terra Santa. Dopo i primi successi, tuttavia, l'esercito fu sconfitto dai sultani sultani Mameluchi e il re e il suo entourage caddero in prigionia da cui fu liberato solo dopo il pagamento di un alto riscatto.
Nonostante la sua prigionia, il re Ludwig iniziò l'ottava crociata nel 1270, che lo portò a Tunisi dove morì e la crociata terminò.

 

Re Ludwig IX e la settima crociata

Re Ludwig IX e la settima crociata

 

La nona e ultima crociata fu compiuta dal re inglese Edward I nel 1271, ma non ebbe successo nemmeno contro i Mamelucchi, e così la Terra Santa fu finalmente persa dall'Islam.

 

Re Edward I.

Re Edward I.

L'ultimo crociato

L'ultimo crociato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Le guerre di Dio. Nuova storia delle crociate

Le guerre di Dio. Nuova storia delle crociate Copertina flessibile – 28 nov 2017

A mezzo secolo dalla pubblicazione della classica "Storia delle crociate" di Steven Runciman, "Le guerre di Dio" di Christopher Tyerman è oggi, per la meticolosità e l'approccio innovativo, il testo di riferimento sull'argomento. Non solo in quanto prende in considerazione le acquisizioni più recenti della ricerca storica, ma anche perché fa i conti con una mutata sensibilità culturale. L'autore, medievista di Oxford, colloca innanzitutto gli eventi in una cornice più vasta e realistica, che tiene conto di tutte le forze che portarono alle crociate: sia quelle politiche e religiose, sia quelle culturali, economiche, sociali, demografiche. Dalla pressione araba in Spagna, ai movimenti ereticali in Francia, alle sacche di paganesimo nei paesi baltici: per la prima volta in maniera tanto esaustiva, le crociate vengono viste come l'evento globale che furono, un qualcosa che va ben al di là delle campagne militari in Terrasanta. Una vera e propria visione del mondo, che ha definito la mentalità europea tra l'anno Mille e la" scoperta" dell'America. Tyerman porta alla luce l'intreccio di aggressività e paranoia, utopia e miopia che si materializzò nelle guerre (in Medio Oriente o nel "fronte interno", contro i movimenti ereticali), raccontando le storie degli individui che vi presero parte, dai personaggi celebri a quelli che nessuna cronaca riteneva degni di riportare ma che ugualmente contribuiscono a questo grandioso, paradossale affresco storico.

Clicca qui!

 

 

Storia delle crociate

Storia delle crociate Copertina flessibile – 16 giu 2017

Per settecento anni, dall'XI al XVIII secolo, papi e vescovi hanno rivolto accorati richiami ai credenti perché, nel nome della croce, andassero a combattere contro gli infedeli, che si trattasse degli ultimi pagani d'Europa in Livonia, degli eretici in Francia e Boemia, dei maomettani in Spagna e nel vicino oriente. Quasi sempre questi appelli suscitarono entusiasmo e consensi, con una larga partecipazione di nobili, cavalieri e gente comune. Diversi furono i fattori che indussero migliaia di uomini ad affrontare pericoli e fatiche, e spesso la morte, in terre lontane e inospitali: lo slancio religiosa che faceva della crociata un pellegrinaggio armato; la natura penitenziale di molte crociate e quindi il loro significato salvifico; i vantaggi materiali garantiti dalle indulgenze; lo spirito di avventura e di conquista; la precarietà delle condizioni economiche in patria. Sulla base di una ricchissima documentazione, in questo volume Riley-Smith illustra non soltanto le motivazioni politiche, economiche e generazionali di scelte tanto difficili, ma anche l'acceso dibattito teologico sulla liceità dell'uso della forza per un cristiano.

Clicca qui!

 

 

Sacri guerrieri. La straordinaria storia delle crociate

Sacri guerrieri. La straordinaria storia delle crociate Copertina rigida – 24 gen 2013

Questo è un racconto di conflitti e avventure, di protagonisti famosi e di persone comuni. Di Riccardo Cuor di Leone e del Saladino, di Melisenda, l'astuta regina di Gerusalemme che incuteva timore a tutti, e del fiero predicatore al-Sulami. Dell'imperatore scomunicato del Sacro Romano Impero, Federico II, e di Enrico di Bolingbroke che anni prima di diventare Enrico IV d'Inghilterra, spietato e paranoico, agì come un pellegrino e come un 'santo guerriero'. È un intreccio di testimonianze diverse, dagli inni e i sermoni ai diari di viaggio, dalle lettere e i documenti finanziari ai trattati di pace. Leggendola scopriremo che nel corso del tempo le crociate sono state lanciate non soltanto contro i musulmani nel Medio Oriente, ma anche contro gli eretici, i nemici politici del papato, i mongoli, le tribù pagane del Nord Europa. Scopriremo inedite amicizie e alleanze, i trionfi della diplomazia anziché della spada, le jihad proclamate contro i musulmani e i tanti motivi per andare in battaglia. Per Dio e per la fede, per il senso del dovere, per la brama di terra e di denaro, per il desiderio di tener alto l'onore e lo spirito di famiglia o anche solo per il brivido dell'avventura.

Clicca qui!

 

 

Il crepuscolo della crociata. L'Occidente e la perdita della Terrasanta

Il crepuscolo della crociata. L'Occidente e la perdita della Terrasanta Copertina flessibile – 5 apr 2018

Ricca e opulenta capitale crociata, Acri cade nel 1291 segnando la fine della presenza latina in Terrasanta. L'Occidente accolse attonito la notizia, vedendo spegnersi la speranza di riconquistare Gerusalemme. Il libro ricostruisce le conseguenze della tragedia acritana e le principali reazioni dei contemporanei sino al volgere del nuovo secolo: la redazione di piani strategici per combattere i Mamelucchi, le accuse rivolte alle città marinare e agli Ordini militari, la circolazione di profezie relative agli Ultimi Tempi, la diffusione di false notizie (come quella della liberazione dei Luoghi Santi da parte dei Mongoli), la difesa di Cipro e del regno armeno di Cilicio, l'indizione del primo Giubileo della storia, l'affacciarsi del problema turco. La crociata pare giunta al crepuscolo. Ma la sua non sarà un'eclissi definitiva.

Clicca qui!

 

 

Crociate e crociati nel Medioevo

Crociate e crociati nel Medioevo Copertina rigida – 29 apr 2010

Il 27 novembre 1095 a Clermont, in Alvernia, papa Urbano II lanciò un vibrante appello alla cristianità: bisognava liberare Gerusalemme e i luoghi santi dalla tutela dei musulmani. Quel giorno fatidico iniziò la storia delle crociate, destinata a durare fino alla metà del XIII secolo. Anche se in realtà, come spesso accade, le cose furono un po' più complicate. Perché Urbano II non pronunciò la parola "crociata", un termine che all'epoca non esisteva ancora. Inoltre l'intero medioevo è attraversato da movimenti collettivi, da pellegrinaggi di esaltati, da guerre sante: diventa dunque difficile definire e circoscrivere l'ambito delle crociate, e infatti il dibattito tra gli storici sulla loro vera natura e sulle loro caratteristiche è ancora oggi assai vivace. Alain Demurger esamina il rapporto tra le crociate e le "guerre sante", che hanno insanguinato e insanguinano la storia. Da un lato le spedizioni delle armate cristiane verso la Palestina somigliano per molti aspetti a esperienze storiche antecedenti, come la grande offensiva dell'imperatore bizantino Eraclio contro i persiani nel VII secolo o le prime fasi della lenta riconquista della penisola iberica. Tuttavia le crociate rappresentarono indubbiamente un fenomeno inedito: non fu solo un'idea nuova, fu anche una pratica destinata a creare rapidamente le proprie istituzioni. Il volume ricostruisce una vicenda storica memorabile e controversa: risale alla nascita di questo sogno collettivo e ne segue l'evoluzione.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!