Servizio aereo navale reale

Il servizio aereo navale reale (RNAS) era la forza aerea della marina reale britannica durante la prima guerra mondiale e fu fuso con il corpo reale di volo (RFC) alla fine della guerra per formare l'attuale aviazione reale (RAF).

 

 

Inizio dell'aviazione militare in Gran Bretagna:

Nel 1908, il governo britannico riconobbe che l'uso militare degli aerei doveva essere indagato e per quali scopi potevano essere utilizzati per la marina. A tal fine, il primo ministro H.H. Asquith ha istituito un comitato consultivo per l'aeronautica e la sottocommissione per la difesa britannica. Questi comitati erano composti da politici, ufficiali dell'esercito e ufficiali della marina reale.

Il 21 luglio 1908, il membro del comitato, il capitano Reginald Bacon presentò una relazione al First Seelord Sir John Fisher in cui si doveva mirare alla costruzione di un dirigibile rigido, come quello usato dai tedeschi. Dopo alcune discussioni la proposta fu approvata il 7 maggio 1909 e il dirigibile Mayfly fu costruito da Vickers. Tuttavia, dopo la rottura del prototipo in due metà il 24 settembre 1911, la costruzione fu immediatamente interrotta dall'allora Primo Seelord Sir Arthur Wilson.

Nel novembre 1910, il Royal Aero Club britannico offre alla marina reale due aerei per i test. Già dal 21 giugno 1910 il tenente George Cyril Colmore fu il primo pilota addestrato al servizio della marina reale. Inoltre, l'Aero Club offrì che i suoi piloti addestrati potessero assumere l'addestramento di nuovi piloti e che l'aeroporto di Eastchurch sull'isola di Sheppey potesse essere utilizzato dalla marina reale. Il 6 dicembre 1910 le proposte furono adottate dall'ammiragliato britannico a condizione che i futuri piloti non si sposino e paghino le quote associative al Reale Aero Club.

Nel novembre 1911, il Ministero della Difesa britannico iniziò a formare una nuova sottocommissione per indagare sull'utilità militare degli aerei. Il 28 febbraio 1912 la Commissione presentò la sua relazione che raccomandava l'istituzione di un corpo volante. Questo doveva essere subordinato in parte all'esercito e in parte alla marina reale, oltre a una scuola di volo e una produzione di aerei dovevano essere stabiliti.

La proposta fu accettata dal Ministero della Difesa e il 13 aprile 1912 Re Giorgio V firmò un decreto che istituisce il Corpo Reale di Volo. Poiché la marina reale non voleva subordinare i propri aerei e palloncini all'esercito ed esercitare così la propria autorità sulle forze aeree già in uso, il servizio aereo navale reale fu mantenuto come parte del corpo reale di volo, ma fu inizialmente integrato in esso.

Oltre alla scuola centrale di addestramento per piloti e ufficiali di Upavon, la Marina ha mantenuto l'aeroporto di Eastchurch, dove è stata autorizzata ad addestrare e testare i prototipi.

Sempre nell'aprile 1912 fu eseguita la prima manovra in cui gli aerei lavoravano insieme alle navi da guerra della marina reale. Nel 1913 seguirono una base di idrovolanti sull'isola di Grain e una base di dirigibili a Kingsnorth, mentre la costruzione di dirigibili fu nuovamente approvata. L'ex incrociatore HMS Hermes è stata la prima nave ad essere trasformata in una portaerei e testata per poter trasportare e utilizzare gli aerei sull'acqua.

Il 1° luglio 1914, il servizio aereo della servizio aereo navale reale fu scorporato dal corpo reale volante ed era quindi direttamente subordinato alla marina reale.

 

 

 

Struttura e organizzazione:

A differenza del corpo reale di volo, il servizio aereo navale reale non era organizzato centralmente, il che significava che c'erano diverse ali e squadriglie con lo stesso numero.

Poiché gli aerei della Marina non raggiunsero le dimensioni dell'RFC, non furono introdotte brigate o divisioni, ma solo squadroni e ali furono allestiti e utilizzati.

  • Ala 1 = Utilizzato sia sul versante britannico che su quello francese della Manica
  • Ala 2 = Utilizzo durante l'atterraggio nei Dardanelli e a Gallipoli
  • Ala 3 = Utilizzato all'atterraggio nei Dardanelli e a Gallipoli, fu sciolto dopo la ritirata e ripreso nell'ala 2. 1916 riposizionato per i bombardamenti strategici, 1917 sciolto di nuovo
  • Ala 4 = Piloti prevalentemente da caccia, dispiegamento sul fronte occidentale
  • Ala 5 = Soprattutto bombardieri, dispiegamento sul fronte occidentale
  • Ala 6 = Pattugliare il mare Adriatico

Squadroni individuali sul fronte occidentale hanno ricevuto i numeri da 1 a 17. Squadroni dispiegati nel Mediterraneo orientale contro l'Impero Ottomano hanno ricevuto le lettere da A a G e Z.

 

 

 

I ranghi del servizio aereo navale reale:

Sia i piloti che gli osservatori hanno mantenuto lo stesso rango nella RNAS che nella marina reale.

Queste sono state semplicemente ampliate per includere le insegne. Al di sopra del rango era indossata un'aquila per i piloti o una lettera "O" alata per gli osservatori.

  • Wing Captain (Capitano d'ala)
    Classifica nella marina reale: Capitano
  • Wing Commander / Wing Observer (Comandante d'ala / Osservatore d'ala)
    Classifica nella marina reale: Comandante
  • Squadron Commander / Squadron Observer (Comandante di squadriglia / Osservatore di squadriglia)
    Classifica nella marina reale: tenente comandante
  • Squadron Commander / Squadron Observer (Comandante di squadriglia / Osservatore di squadriglia)
    Fino a otto anni di servizio.
    Classifica nella marina reale: Tenente
  • Flight Commander / Flight Observer (Comandante di volo / Osservatore di volo)
    Classifica nella marina reale: Tenente
  • Flight Lieutenant / Observer Lieutenant (Tenente di volo / Tenente Osservatore)
    Classifica nella marina reale: Tenente
  • Flight Sub-lieutenant / Observer Sub-lieutenant (Sottotenente di volo / Sottotenente Osservatore)
    Classifica nella marina reale: Sottotenente
  • Chief Petty Officer Mechanic, 1st Grade (Meccanico Capo Squadrone Meccanico, 1° grado)
  • Chief Petty Officer Mechanic, 2nd Grade (Meccanico Capo Sottufficiale Meccanico, 2° grado)
  • Chief Petty Officer Mechanic, 3rd Grade (Meccanico Capo Sottufficiale, terza elementare)
  • Petty Officer Mechanic (Sottufficiale Meccanico)
  • Leading Mechanic (Meccanico principale)
  • Air Mechanic, 1st Class (Meccanico dell'aria, 1a classe)
  • Air Mechanic, 1st Class (acting) (Meccanico dell'aria, 1a classe (in azione))
  • Air Mechanic, 2nd Class (Meccanico dell'aria, 2a classe)

 

 

Il rango di comandante dell'ala della marina militare

Il rango di comandante dell'ala della marina militare

 

 

 

Campi d'aviazione marina:

Come il corpo reale di volo, il servizio aereo navale reale ha mantenuto un certo numero di basi per i piloti navali:

Gran Bretagna:
  • Aldeburgh, Suffolk
  • Arbroath, Angus
  • Atwick, Yorkshire
  • Bacton, Norfolk
  • Calshot, Hampshire
  • Chingford, Essex
  • Covehithe, Suffolk
  • Cranwell, Lincolnshire
  • Detling, Kent
  • Dover (Guston Road), Kent
  • Eastbourne (St Anthony's Hill), East Sussex
  • Eastchurch, Kent
  • East Fortune, East Lothian
  • Fairlop, Essex
  • Felixstowe (Landguard Common), Suffolk
  • Felixstowe Dock, Suffolk
  • Fishguard, Pembrokeshire
  • Goldhanger, Essex
  • Gosport, Hampshire
  • Hendon Aerodrome, Middlesex
  • Lee-On-Solent, Hampshire
  • Loch Doon, Ayrshire
  • Longside
  • Scapa Flow
  • Turnhouse
  • Yarmouth
Francia:
  • Dunkirk
  • Saint-Pol-sur-Mer
  • Walmer
  • La Bellevue
  • Vendome
Mediterraneo orientale:
  • Imbros
  • Mudros
  • Stravos
  • Thasos
Altro:
  • Durban
  • Otranto
  • Malta
  • Mombassa

 

 

 

Mansioni:

Il compito principale degli aerei e dei dirigibili RNAS era la ricognizione della flotta e il pattugliamento costiero. Poiché le possibilità tecniche prima e durante la prima guerra mondiale nel campo della ricognizione non erano ancora avanzate, i comandanti supremi erano dipendenti dalla ricognizione aerea per sapere dove si trovava il nemico.

Questo compito contava sia sulla terra che sul mare.

Nel corso della guerra, gli aerei RNAS hanno monitorato circa 10.000 chilometri quadrati del Mare del Nord e della Manica. Con le prime operazioni di sottomarini la lotta dall'aria da aerei da aerei ha inoltre iniziato la battaglia. Solo nel 1917, 175 sommergibili furono avvistati e 107 di essi attaccati da aerei. Anche se il successo di un attacco è stato piuttosto modesto, i rapporti hanno aiutato le navi da guerra della marina reale a trovare sottomarini e a combatterli da soli.

Poiché non esisteva una tecnologia adatta al decollo e all'atterraggio su navi prima della prima guerra mondiale, i piloti navali britannici iniziarono con gli idrovolanti. Questi sono stati calati in acqua da gru e hanno dovuto essere riportati alla nave. Solo all'inizio della guerra le catapulte venivano montate su navi o piattaforme di atterraggio.

Elenco degli idrovolanti e delle navi portaerei esistenti e utilizzati:

  • HMS Hermes
    Un incrociatore leggero trasformato in una portaerei. Affondata il 31 ottobre 1914 dal sommergibile tedesco U-27
  • HMS Empress, HMS Engadin, HMS Riviera, HMS Vindex und HMS Manxman
    Traghetti canale convertiti. Le prime tre navi, ciascuna con tre idrovolanti, lanciarono il primo attacco navale a Cuxhaven il 25 dicembre 1914. La HMS Vindex aveva una rampa di lancio ed è stata la prima nave a lanciare un aereo a ruote
  • HMS Ben-my-Chre
    Traghetto veloce dell'Isola di Man che fu convertito in idrovolante e servito nella battaglia di Gallipoli. Ben-My-Chree ha consegnato l'aereo che ha effettuato con successo il primo attacco siluro su navi. Un breve idrovolante trasportava un siluro di 14 pollici tra le zattere, che è stato lasciato cadere da un'altezza di 15 piedi e ha colpito e affondato una nave turca. Ben-my-Chre è stato affondato dall'artiglieria turca nel 1917
  • HMS Ark Royal
    Fu usato a Gallipoli e servito anche dopo la prima guerra mondiale. Fu ribattezzata Pegasus nel 1934 per dare il nome alla nuova portaerei moderna Ark Royal
  • HMS Campania
    Ex Cunard Liner. Affondato il 5 novembre 1918 nel Firth of Forth dopo una collisione con HMS Royal Oak
  • HMS Manica
    Vaporetto ricostruito equipaggiato con la prima piattaforma di osservazione di kite balloon della Marina Militare
  • HMS Nairana
    Nave passeggeri convertita con rampa di lancio
  • HMS Furious
    Incrociatore da battaglia convertito, con un cannone da 18 pollici a poppa e un ponte di prua. Fu ricostruito dopo il 1918 con un ponte di volo continuo e ancora in servizio durante la seconda guerra mondiale
  • HMS Argus
    Iniziato nel 1914 come piroscafo italiano Conte Rosso, è stato completato nel settembre 1918 come vettore con un ponte di volo completo

 

 

 

 

 

Il reparto autoblindo RNAS:

Il RNAS non era dotato solo di dirigibili e aerei, a volte aveva l'unica unità meccanizzata britannica.

All'inizio della guerra, gli squadroni erano equipaggiati con vetture da turismo non blindate, che servivano per la comunicazione e per far uscire piloti abbattuti nel territorio del nemico. Il 4 settembre 1914, il comandante Charles Samson compì una sola di queste missioni, in cui aveva equipaggiato il suo veicolo con una mitragliatrice Maxim. Quando fu in grado di distruggere un veicolo militare tedesco vicino a Cassel, iniziò a pensare alla costruzione di veicoli corazzati. I veicoli Rolls Royce Silver Ghost erano dotati di piastre di protezione e di una mitragliatrice Maxim da 7,62 mm. Dopo diverse missioni di successo, l'Alto Comando britannico decise di utilizzare tutti i telai Rolls Royce Silver Ghost disponibili in Gran Bretagna per l'esercito britannico e di costruire veicoli corazzati con essi. Nel novembre 1914 con questi veicoli fu fondata la divisione autoblindo della marina reale (RNACD).

Fino all'agosto 1915 la Rolls-Royce era in uso in tutte e sei le unità della RNAS, fino a quando la produzione dovette essere interrotta, perché la società Rolls-Royce non doveva più produrre veicoli ma motori per aerei. Le unità RNAS a Dunkerque sono state sciolte e distribuite anche in altri teatri di guerra.

 

 

Auto blindata Rolls-Royce

Auto blindata Rolls-Royce

 

Autoblindo della RNAS durante la battaglia di Gallipoli 1915

Autoblindo della RNAS durante la battaglia di Gallipoli 1915

 

 

 

Il servizio aereo navale reale nella prima guerra mondiale:

Quando scoppiò la prima guerra mondiale, il RNAS era responsabile di 93 aerei, sei dirigibili, due palloncini e 727 soldati.

La marina reale ha mantenuto 12 stazioni di dirigibili intorno alla costa britannica da Longside, Aberdeenshire nel nord-est ad Anglesey nell'ovest.

Il 1° agosto 1915, il RNAS fu ufficialmente distaccato dal corpo reale volante e direttamente subordinato alla marina reale.

Il 25 dicembre 1914, la marina reale riuscì con l'attacco a Cuxhaven a realizzare il primo dispiegamento di aerei lanciati da navi. Il bersaglio erano gli hangar Zeppelin e gli Zeppelin, che dovrebbero essere distrutti se possibile. Ma la nebbia e la forte difesa aerea tedesca ha impedito l'attacco.

Nel corso della guerra, tuttavia, la concorrenza tra la RNAS e la RFC si è fatta sentire. Così le risorse disponibili erano mal distribuite, la Marina ha mantenuto uno squadrone per i bombardamenti strategici in un momento in cui questi non potevano ancora essere utilizzati correttamente e in parte la Marina ha ricevuto i più recenti piloti da caccia, anche se questi sono stati utilizzati dalla RFC sul fronte occidentale chiaramente più urgente. Questa competizione si è conclusa solo alla fine della guerra con la fusione delle due unità.

 

 

Ufficiali del Serivizio Aereo della Marina Reale alla fine del 1914

Ufficiali del Serivizio Aereo della Marina Reale alla fine del 1914

 

Un idrovolante Shorts S.38 decolla dall'HMS Hibernia sotto la supervisione del comandante C. Samson

Un idrovolante Shorts S.38 decolla dall'HMS Hibernia sotto la supervisione del comandante C. Samson

 

Capo squadrone E. H. H. Dunning ha cercato di atterrare il suo Sopwith Pup sul ponte della HMS Furious. E 'stato ucciso quando il suo aereo è andato alla deriva dal ponte di volo in mare

Capo squadrone E. H. H. Dunning ha cercato di atterrare il suo Sopwith Pup sul ponte della HMS Furious. E 'stato ucciso quando il suo aereo è andato alla deriva dal ponte di volo in mare

 

 

 

Fondazione della Aeronautica Militare Reale:

Già il 17 agosto 1917 il generale Jan Smuts presentò al Ministero della Difesa britannico un rapporto in cui presentava le possibilità per il futuro orientamento del corpo reale di volo e del servizio aereo della marina reale.

Decisive per questo rapporto sono state le idee degli Smuts, che hanno visto negli aerei il potenziale di devastazione dei paesi nemici e la distruzione di centri industriali e densamente popolati su larga scala. A tal fine, si dovrebbe fondare una forza armata che abbia la stessa forza di quella dell'esercito e della marina reale.

Inoltre, la concorrenza tra la RFC e la RNAS avrebbe un impatto negativo sulla messa in comune delle risorse. Queste due forze armate dovevano essere riunite in una sola, ma che, come l'esercito e la marina, potevano operare in modo indipendente.

Il Ministero della Difesa accettò la maggior parte dei punti della proposta e così il 1° aprile 1918 la RFC e la RNAS furono fuse nel neocostituito Ministero dell'Aviazione e la Reale Aeronautica fu creata come una filiale indipendente.

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

L'aviazione della grande guerra. Cavalieri, tattiche e tecnologie nei cieli d'Europa

L'aviazione della grande guerra. Cavalieri, tattiche e tecnologie nei cieli d'Europa Copertina flessibile – 27 ago 2015

Se i fratelli Wright inventarono l'aeroplano, il Primo Conflitto Mondiale diede alla luce l'aeronautica. Spinti dalle crescenti esigenze di offesa e difesa, i fragili biplani dei pionieri mutarono in vere e proprie macchine da combattimento, mentre la costruzione artigianale lasciò il posto alle iniziative industriali sempre più importanti e ambiziose. E facile immaginare che, là dove i pionieri del volo gettarono le basi di ciò che sarebbe diventata una delle più clamorose conquiste tecnologiche del secolo scorso, i militari si impadronirono della rivoluzionaria tecnologia e di tutti i giovani talenti capaci di "volare" con le ali del proprio folle coraggio e librarsi realmente in volo con i primi esemplari di aeroplani e palloni aerostatici da osservazione - i più arditi sarebbero diventati veri e propri "cavalieri del cielo". La cosiddetta "guerra aerea" può essere assimilata a tutti gli altri fronti del Primo Conflitto Mondiale. Il periodo 1914-1918 registrò, infatti, per la prima volta nella storia e su larga scala l'impiego delle neonate tecnologie aeronautiche a scopi bellici. Ci volle un po' di tempo prima che i Generali Europei riconoscessero la validità e l'intrinseca potenzialità di questa nuova arma. In seguito, apparvero differenti connotazioni tattiche che portarono alla realizzazione di esemplari destinati al combattimento, alla ricognizione e al bombardamento. L'aviazione militare fu quindi interessata da uno sviluppo estremamente repentino.

Clicca qui!

 

 

L'aviazione italiana nella grande guerra

L'aviazione italiana nella grande guerra Copertina flessibile – 16 giu 2011

La vicenda dell'aviazione italiana va ben oltre la pur affascinante saga degli assi della caccia o il racconto di imprese diventate leggendarie come il raid dannunziano su Vienna che caratterizzarono gli anni del Primo conflitto mondiale. È una storia di uomini e di macchine in cui tecnologia e dottrina si rincorrono per creare una forza aerea bilanciata in tutte le componenti, in grado di svolgere al meglio i compiti nello scenario bellico. Mentre si delineavano le teorie sul bombardamento nell'ambito di un dibattito dottrinale che ebbe protagonisti d'eccezione come Douhet e Caproni, i comandi la utilizzarono alla luce di un concreto pragmatismo. L'azione dei bombardieri fu finalizzata a contrastare le capacità operative delle forze contrapposte, mentre la maggior parte delle squadriglie operava a diretto supporto delle forze di terra con compiti di ricognizione, osservazione, collegamento e attacco al suolo, sotto la protezione di una caccia le cui tattiche cominciavano a superare l'individualismo del cavaliere alato.

Clicca qui!

 

 

I colori degli aerei italiani della grande guerra. Ipotesi e certezze

I colori degli aerei italiani della grande guerra. Ipotesi e certezze Copertina flessibile – 7 lug 2017

Il volume è dedicata esclusivamente alle colorazioni dei nostri aerei militari degli anni 1915-1918. Sono individuati ottanta schemi, ognuno riprodotto a colori e composto da vista superiore, vista inferiore e uno o due profili per ogni aereo. Il sottotitolo "Ipotesi e certezze" indica che la materia non è, purtroppo, del tutto conosciuta ma gli studi e i restauri di questi ultimi anni, hanno fornito molte certezze mentre per quanto non si conosce si è ricorso a ricostruzioni il più possibile attendibili e verosimili.

Clicca qui!

 

 

Gli assi italiani della Grande Guerra

Gli assi italiani della Grande Guerra Copertina flessibile – 15 mag 2018

Anni di ricerca in archivi pubblici e privati hanno recato nuovi contributi alla conoscenza di celebri piloti italiani come Baracca, Ruffo di Calabria e Piccio, dando altresì risalto alle imprese degli altri 42 aviatori - fra i quali Riva, Sabelli e Nardini - che divennero assi del volo nel corso della Prima guerra mondiale. L'accurato riscontro delle fonti italiane, britanniche e francesi con i documenti tedeschi e austro-ungarici è la base per la dettagliata ricostruzione dei combattimenti aerei sul fronte italiano trattati nel volume, dove quasi tutte le vittorie rivendicate dai piloti trovano una corrispondenza nelle perdite avversarie. Grazie alle famiglie dei protagonisti di questo libro, l'autore ha avuto la possibilità di utilizzare, immagini, lettere e diari, finora inediti, che hanno permesso di chiarire avvenimenti fino a oggi oscuri, e portato alla luce una grande quantità di insegne personali o di reparto in precedenza non note.

Clicca qui!

 

 

Caproni nella prima guerra mondiale. Ediz. italiana e inglese

Caproni nella prima guerra mondiale. Ediz. italiana e inglese Copertina rigida – 31 dic 2010

Le tappe più significative nello sviluppo degli aerei da bombardamento italiani, raccontate e illustrate attraverso numerose immagini per lo più inedite, un doveroso omaggio a Gianni Caproni, mirabile costruttore di quelle prime ali divenute sinonimo di "bombardiere strategico".Il testo e la struttura originali dell'opera, la cui prima edizione risale al 1970, sono stati in parte rielaborati o modificati, con alcune soluzioni nuove, come la traduzione in inglese, la sostituzione di molte illustrazioni, l'aggiornamento delle didascalie e una sezione di immagini a colori.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!