Serbatoi di tempesta A7V

I serbatoi di tempesta che A7V era il primo e unico autoblindo prodotta in Germania della serie, che è stata utilizzata sulla parte anteriore e servire come una risposta al contrassegno britannico emergente serbatoi. Tuttavia è venuto allo sviluppo e alla produzione di troppo tardi per poter essere utilizzato in modo più efficace.

 

Concezione:

Nel settembre del 1916 il primo contrassegno britannico è apparso sul lato occidentale anteriore carri armati. Anche se questi conseguito alcun successo significativo sulle loro prime missioni, lo shock psicologico ai soldati tedeschi, d'altra parte era molto più grande.

Dal comando supremo dell'esercito è stato aggiudicato l'appalto alla ingegnerizzazione di traffico un'autoblindo uguale (il nome dei carri armati tempesta solo ebbe luogo il 22 settembre 1918) sviluppare per essere finalmente in 13 novembre 1916 esame Board. Per motivi di azione furtiva il progetto ricevette la designazione A7V, vagamente basato sul reparto di trasporto. I requisiti per i veicoli sono stati già specificati all'inizio:
- Peso totale circa 30 tonnellate
- Capacità off-Road
- Trincee possono essere superate fino a 1,5 metri
- La velocità su strada dovrebbe essere almeno 12 km/h
- 80 fino a 100hp potenza considerato per sufficiente

Lo sviluppo sono state effettuate dall'autorità in collaborazione con il capo ingegnere Vollmer. Il design dell'unità è stato assegnato alla società Holt Caterpillar a Bucarest. Il 22 dicembre 1916 i primi disegni di progettazione erano già presenti, anche se queste varianti con 2 invece di 1 motore sono state dotate. Della proposta dell'ufficio di mettere il progetto nell'urgenza verso l'alto è stato rifiutato tuttavia dal comando supremo dell'esercito.

 

A7V prototipo Woodie

A7V prototipo Woodie

 

Quadro di prototipo A7V

Quadro di prototipo A7V

 

La presentazione del primo prototipo ebbe luogo il 30 aprile 1917 a Marienfelde, dove il veicolo di riferimento ha avuto ancora nessuna armatura ma un Woodie. L'idea era di soddisfazione del supremo comando militare, ma non si poteva essere alcuni quindi sull'armamento principale dei veicoli. Una decisione su questa zona fu portata fuori solo nella primavera del 1918, dove fossero d'accordo sulla 5, 7cm Kasemattkanone, sono stati catturati in massa in Belgio. Piuttosto che come primo programma anteriore e posteriore per costruire un'arma, solo 1 pistola dovrebbe essere montato nella versione finale del veicolo con la parte anteriore di obiettivo. D'altra parte, è stato aumentato il numero di pistole di macchina da 4 a 6. La presentazione della versione finale ha avuto luogo il 14 maggio 1917 a Mainz.

 

Versioni A7V

Versioni A7V

 

A7V mitragliatrice stand

A7V mitragliatrice stand

 

 

Dati tecnici:

Denominazione: Serbatoi di tempesta A7V
Terra: Impero tedesco
Lunghezza: 7,35 metri
Larghezza: 3,06 metri
Altezza: 3,35 metri
Peso: 30 tonnellate
Velocità massima: Strada: 12km/h, terreno: 4-8km/h
Corazzatura: Fino a 30 mm
Armamento principale: Cannone da 5,7cm Casemate
Altre armi: 6 x mitragliatrice 08, 1 x mitragliatrice 08/15
Forza motrice: 2 × motore Daimler a 4 cilindri in linea
147 kW (200 CV)
Guarnigione: 16
1 comandante, 5 non commissari, 10 equipaggi

 

 

 

Le prime missioni:

La consegna del primo A7V operativa era la fine dell'ottobre 1917. In questo momento, la tempesta autoblindo cui personale è costituito da 5 ufficiali e 109 sottufficiali e squadre erano formate dipartimenti 1 e 2. Per ogni sezione 5 A7V erano auto e 9 RadKfz. L'istituzione della divisione 3 avvenuto più tardi 6 novembre 1917.

La formazione del dipartimento 1 ha cominciato nella primavera del 1918 a sedan. Nuove tattiche di auto in combinazione con fanteria e le truppe d'assalto sono stati testati.

Il 21 marzo 1918, il battesimo del fuoco dei nuovi serbatoi tempesta iniziò l'offensiva di primavera di Michael di San Quintino. Fine del 1 ° marzo e 2 dipartimenti prima condussero un'offensiva comune e il 24 aprile avvenne il primo incontro insieme ai carri armati britannici a Villers-Bretonneux in Somme.

 

563 Wotan il coraggio

563 Wotan il coraggio

 

 

 

La battaglia di Villers-Bretonneux:

Tutte le 3 sezioni di serbatoi di tempesta sono state utilizzate per l'attacco di conquistare la città e la foresta adiacente. Tuttavia erano già 2 auto prima dell'attacco, car 540 "clinic" prima del carico nella parte anteriore e auto 503 attraverso una crepa di testa del cilindro.

Mentre l'auto attacco cadde prima 506 "Mephisto" da cui l'ugello intasato. Come questi sono stati puliti con punta l'auto poco dopo in un imbuto e dovette essere abbandonata. Tre mesi più tardi, questa vettura da truppe australiane era recuperata e portata in Australia, dove l'auto solo uno è ancora da visitare l'A7V.

Auto 542 "Elfriede" dovette essere abbandonata successivamente, quando quest'ultimo è stato rotto fino a un posto di comando britannico e non poteva più unità. Più tardi, questa vettura dalle truppe francesi è stata recuperata e portata a Parigi come bottino di guerra.

Auto 561 "Nixe" ha avuto uno scontro a fuoco con parecchi carri armati britannici su una strada. Come questo gravemente danneggiato la vettura questo potrebbe andare dopo circa 2 km in direzione di possedere la linea frontale prima la vettura con un motore guasto doveva anche essere dato in su.

 

 

 

Risultati:

Originariamente, il comando supremo dell'esercito 38 che i serbatoi di tempesta avevano ordinato questo ridotto comunque su 20 auto a un materie prime scarse nel sottomarino e velivolo costruzione di mettere ad un altro dovrebbe esperienza con la macchina esistente per la prima volta.

Nel complesso, i serbatoi di tempesta potrebbero dimostrare perché erano superiori ai carri armati britannici in termini di armatura e potenza di fuoco. Tuttavia, le vetture dominato fin dall'inizio dei problemi con la mancanza di stabilità dell'unità, come pure il tempo di basso utilizzo. Operazioni potrebbero essere eseguite solitamente solo poche ore, l'intera vettura ricostruita doveva essere allora. Inoltre il 20 auto tedesco rispetto ai 6. 000 veicoli corazzati degli alleati potrebbe fare nulla.

 

Serbatoi di tempesta A7V

Serbatoi di tempesta A7V

 

 

 

Numero di telaio: Nome: Dipartimento: Dimora:
501 Gretchen 1, poi 3, poi 1  

La guerra nell'esercito

 

502 / 503 Faust 1, poi 3  

Dopo un difetto del telaio 502 nel marzo 1918, la carrozzeria fu impostata sul telaio 503. Abbandonato nell'ottobre 1918 e demolito dagli inglesi sul posto

 

504 / 544 Schnuck 2  

Catturato dai britannici e demolita nel 1919

 

505 Baden I 1, poi 3  

La guerra nell'esercito

 

506 Mephisto 1, poi 3  

Catturato dagli australiani ed è oggi nel Museo

 

507 Cyklop 1, poi 3  

La guerra nell'esercito

 

525 Siegfried 2  

La guerra nell'esercito

 

526 1  

Cannibalizzato

 

527 Lotti 1  

Bloccato su 1° giugno 1918, abbandonato e demolito nel 1922

 

528 Hagen 2  

Catturato dai britannici e demolita nel 1919

 

529 Nixe II 2  

Festa su 1° giugno 1918, abbandonata e demolita nel 1942 da parte degli americani

 

540 Heiland 3, poi 1  

La guerra nell'esercito

 

541 1  

La guerra nell'esercito

 

542 Elfriede 2  

Catturato dai francesi e demolita nel 1919

 

543 Hagen 2, poi 3  

La guerra nell'esercito

 

560 Alter Fritz 1  

È stato scoppiato alle Iwuy 11 ottobre 1918

 

561 Nixe 2  

Cannibalizzato

 

562 Herkules 1, poi 2  

Spogliato, catturato più tardi dagli inglesi

 

563 Wotan 2  

La guerra nell'esercito

 

564 (Prinz) Oskar 3  

La guerra nell'esercito

 

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata Copertina flessibile – 16 mag 2015

Tra il 1915, quando l'Italia decise di partecipare alla Grande Guerra, e l'8 settembre 1943, data in cui venne reso noto l'armistizio firmato cinque giorni prima a Cassibile, il Regio Esercito progettò, sperimentò e mise in linea un certo numero di carri armati. Scavando, da perfetto segugio, negli annali di istituzioni e industrie l'autore documenta questi progetti e produzioni di carri armati italiani del periodo 1915-1943, alcuni dei quali neppure entrati in fabbricazione. La ricerca diventa occasione di più ampie riflessioni di natura strategica e ideale evidenziando la capacità dell'autore di trasferire il lettore da una semplice disamina tecnica a considerazioni di carattere generale in cui convergono la fatica degli uomini, l'inventiva dei tecnici, le condizioni del nostro Paese, la volontà e i deficit delle istituzioni. Il libro si articola in 4 capitoli suddivisi in numerosi paragrafi, corredati da copiosa documentazione fotografica sia a colori che in b/n, da ampia bibliografia e interessanti note in calce.

Clicca qui!

 

 

I corazzati di circostanza italiani

I corazzati di circostanza italiani Copertina flessibile – 17 giu 2016

La motorizzazione delle forze armate si è affermata durante la Prima Guerra Mondiale anche se ancora durante il grande conflitto successivo, la Seconda Guerra Mondiale, vi fu un rilevante ricorso alla trazione animale e non mancò l'impiego, anche in alcuni memorabili episodi, di reparti di cavalleria. Questa trattazione, quindi, si concede la libertà di passare in rassegna i veicoli motorizzati che, per un motivo o per l'altro, si discostino dalle schede tecniche che ne riportano le caratteristiche. In qualche caso non si può parlare di "scostamenti" poiché si tratta di realizzazioni di fortuna, nate dall'abilità dei meccanici delle officine da campo, stravolgendo completamente la natura del veicolo di partenza.

Clicca qui!

 

 

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata Copertina rigida – 9 nov 2017

Una guida per immagini completa e approfondita sulla tecnologia della guerra e la sua evoluzione nel corso della storia. Profili delle armi, armature, uniformi ed equipaggiamenti fondamentali, dalla Mesopotamia dell'età del bronzo ai giorni nostri. Immagini e schede dei pezzi di armamento più significativi da vari punti di vista, che sottolineano le caratteristiche che li hanno resi così efficaci. Il racconto delle tecniche e delle tattiche adottate dai più grandi capi militari, dell'impatto sugli eserciti che le hanno usate e degli effetti che hanno avuto sulla conclusione dei più importanti conflitti.

Clicca qui!

 

 

La Grande Guerra 1914-1918

La Grande Guerra 1914-1918 (Box)

1. L'offensiva tedesca - inizia la guerra di trincea 2. Il conflitto si allarga - attacchi e contrattacchi 3. Il crollo degli imperi centrali Milioni di soldati costretti a combattere nel fango delle trincee, attacchi mal pianificati, il miraggio di una rapida vittoria: la Prima Guerra Mondiale doveva essere una guerra lampo, si trasformò in una spaventosa e inutile carneficina. La storia del conflitto è narrata anno per anno, frutto di un lungo lavoro di ricerca negli archivi di tutto il mondo. Un'opera grandiosa, che offre un quadro degli eventi bellici su tutti i fronti, in oltre 4 ore di immagini originali dell'epoca e con mappe che illustrano strategie e battaglie

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!